Una colletta per coronare il sogno mondiale di Alberto, 18enne campione di arti marziali

Martedì 30 Novembre 2021 di Alberto Comisso
Alberto Magris

CORDENONS - Una colletta (crowdfunding) per coronare il sogno di Alberto Magris. A 18 anni, la medaglia di bronzo mondiale (giovanile) di Arti marziali miste (Mma) è a un passo dal centrare un obiettivo che, sino a qualche mese fa, era impensabile: partecipare alla rassegna iridata Assoluta Junior che si terra ad Abu Dhabi, nel cuore degli Emirati Arabi, dal 24 al 29 gennaio prossimi.

LE ARTI MARZIALI MISTE
Diciotto anni compiuti a settembre, studente modello che frequenta il 5. anno del liceo Grigoletti di Pordenone, Alberto pratica Mma da tre anni. Un amore a prima vista, lui che arrivava da un altro sport, il parkour, una disciplina metropolitana che consiste nell'apprendere movimenti che permettono di superare qualsiasi genere di ostacolo con la maggior rapidità possibile. «Un giorno racconta papà Claudio è tornato da scuola con un'illuminazione. È lì che io e sua mamma, Vanna, abbiamo scoperto che avrebbe voluto cimentarsi nelle arti marziali miste. Mia moglie non l'ha presa molto bene, io ho voluto metterlo alla prova. Con stupore, rispetto a quello che impropriamente si sente dire in giro, l'Mma è uno sport di disciplina e grande rispetto. Certo, dentro la gabbia i combattenti non si fanno le carezze ma quando la sfida termina è bello vedere come si abbracciano. Non come avviene, invece, in altre discipline».
LE SFIDE E I TITOLI
L'Mma è ancora uno sport ignoto ai più. Alberto Magris, che fa parte della società Advance Team di Luca Puggioni, quest'estate ha partecipato ai Mondiali U18 a Sofia, in Bulgaria. Dopo aver vinto una serie di combattimenti con avversari provenienti da Stati Uniti, Estonia e Libano, si è arreso soltanto a un kazaco. Per lui è arrivata una sorprendente medaglia di bronzo, nella categoria 66kg, oltre al titolo italiano Assoluto Junior (categoria 18-20 anni) conquistato a Roma. Ora è a un passo dall'impresa. A fine gennaio, negli Emirati Arabi, si disputeranno i Mondiali e Magris, viste le ultime performance, avrebbe già in lasciapassare in tasca. Ma la Federazione italiana non è in grado di sostenere i costi di tutti gli atleti italiani che prenderanno parte all'appuntamento, così Alberto, per non gravare ulteriormente sulle economie dei genitori, ha pensato di avviare un crowdfunding, vale a dire un finanziamento collettivo, per raggiungere l'obiettivo.
LA COLLETTA ONLINE
Nei prossimi giorni, nella piattaforma it.sponsor.me chiunque potrà contribuire, anche con una piccola offerta, ad aiutare il 18enne. L'obiettivo è raggiungere 3mila euro, vale a dire il budget necessario per coprire le spese di viaggio, alloggio e iscrizione per lui e il suo allenatore. «Mio figlio sottolinea papà Claudio merita di essere arrivato a questo traguardo. Ci mette tanto impegno e disciplina, oltre ad un'attenzione meticolosa per l'alimentazione: non può sgarrare di un chilogrammo, pena l'esclusione dalle gare». Alberto Magris si allena dalle 4 alle 5 volte a settimana. Abu Dhabi rappresenta per lui quello che dovrebbe essere un trampolino di lancio verso palcoscenici internazionali di tutto rispetto. Negli Emirati Arabi non sarà facile andare oltre le qualificazioni (in lizza ci saranno avversari molto più quotati) ma lui ha già promesso che ce la metterà tutta. Cordenons, a tutti gli effetti, si conferma essere terra di campioni. Rappresentata dall'olimpionico Mirko Zanni ma anche da Alberto Magris, che ieri pomeriggio è stato ricevuto in Municipio dal sindaco Andrea Delle Vedove e dal vice Andrea Serio. «Abbiamo la fortuna e l'onore sostiene l'assessore allo Sport di avere sportivi d'eccellenza. L'amministrazione è vicina a loro». La settimana scorsa era stata ricevuta Stefania Russo, 2. ai Mondiali di pattinaggio in Paraguay e prossimamente riceverà il campione di rally Mirko Brun.
 

Ultimo aggiornamento: 12:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA