Leucemia rarissima a 3 anni. Il papà: «Aiutatemi a trovare un donatore»

PER APPROFONDIRE: admo, bambina, donatore, leucemia, malata, padre
Leucemia rarissima a 3 anni. Il papà: «Aiutatemi a trovare un donatore compatibile» /Come fare

di Alberto Comisso

ATTENZIONE Aiutare la bimba: per diventare potenziali donatori di midollo osseo è necessario sottoporsi ad un prelievo di sangue (o di saliva) in un Centro Ospedaliero accreditato. Per iscriversi al Registro Italiano Donatori Midollo Osseo il volontario deve avere una età compresa tra i 18 e i 35 anni (non aver ancora compiuto il 36° anno) e godere di buona salute. Gli esami di tipizzazione HLA necessari per l'iscrizione sono totalmente gratuiti e non necessitano di impegnativa medica. Per maggiori informazioni cliccare QUI. TROVARE IL CENTRO DONATORI PIÙ VICINO per iscriversi al Registro Italiano Donatori Midollo Osseo? Cliccate QUI. Ecco infine la mappa delle SEDI ADMO più vicine a voi: cliccate QUI


PORDENONE - Un donatore compatibile non è ancora stato trovato. I tempi stringono e quella di curare una bambina di appena tre anni, affetta da una rarissima forma di leucemia che colpisce uno o due bambini su un milione sta diventato una lotta durissima contro il tempo. Papà e mamma della piccola, Fabio P. e Sabina U. , hanno lanciato un appello. «Salvate nostra figlia: basta un semplice prelievo del sangue o della saliva per capire se si può essere donatori di midollo compatibili».

Sono state molte le persone, da tutta Italia, che si sono rese disponibili ad aiutare la bambina. Tuttavia non è facile trovare l'angelo che le potrebbe dare una speranza di vita: si stima che esista un donatore (compatibile) ogni 100mila persone. Difficile ma non impossibile. Papà e mamma sperano nel miracolo. La loro figlioletta ha appena concluso il terzo ciclo di chemioterapia in una struttura ospedaliera del Centro Italia. Il primo non aveva dato alcun risultato, il secondo aveva sortito effetti migliori, ma successivamente nella piccola si era verificata una ricaduta. Il terzo ha messo a dura prova il suo corpicino già debilitato. Ora si attendono gli esiti. «È una prassi sostiene il padre propedeutica al trapianto. Sarebbe tuttavia inutile che i cicli facessero effetto se poi non si trovasse un donatore».

Da qui l'appello. «La vita di mia figlia potrebbe essere appesa ad un filo», sono state queste le parole di papà Fabio chiedendo a quante più persone possibili di sottoporsi alla verifica di compatibilità...


 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 20 Agosto 2017, 11:47






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Leucemia rarissima a 3 anni. Il papà: «Aiutatemi a trovare un donatore»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2017-08-20 21:30:36
Magari ci fosse in automatico l'iscrizione al registro da parte dei donatori di sangue... No bisogna chiederlo comunque basta il consenso e qualche altra provetta per gli esami per iscrizione... E non c'è nessun tipo di informazione purtroppo ... L'unica cosa che interessa in tv e' il grande fratello.... Con il nostro gruppo giriamo le scuole superiori per dare informazioni su questo tipo di donazione ed è. Veramente una vergogna.... Quando sento di questi appelli disperati quasi mi vergogno di essere ancora viva....
2017-08-20 20:17:03
Io dono sangue ma non ho idea se i valori presenti nei registri afds siano già in sharing con altre associazioni. Non c'è informazione nel chiarire chi può farlo, quale sono i parametri accettati, e quali rifiutati. Se è una emergenza, perché non c'è un appello sui media? Non sarebbe così strano. Sui telegiornali si sentono tante cazzate che se per una volta se ci fosse qualcosa di utile non sarebbe male
2017-08-20 18:47:51
Una su centomila la possibilità di trovare un donatore da registro. La donazione e' anonima e non retribuita. Per iscriversi a registro internazionale età 18/35 anni poi si rimane iscritti fino ai 55 anni. Oltre all'età bisogna essere sani e con peso superiore ai 50 kg. Fatto prelievo e visita di idoneità si aspettano i valori e se idonei si viene iscritti al registro che qui in Italia ha sede a Genova e che e' collegata con le altre sedi nel Mondo. Pochi i possibili donatori nel nostro Paese... Milioni per fortuna nel resto del mondo... Più persone si iscrivono più possibilità si hanno di trovare il donatore... Io l'ho trovato 12 anni fa e ho potuto continuare a vivere. Per quanto riguarda la pericolosità e sofferenza del trattamento posso assicurare che ci sono cose peggiori e se ho una possibilità me la gioco volentieri... Pensateci magari donate già il sangue i parametri per idoneità sono gli stessi iscrivetevi al registro donare non costa nulla ma si salva una vita molto spesso quella di un bimbo. Aiutiamo sempre tutti impegnamoci a essere i primi anche contro la leucemia e altre patologie del sangue... E' così bello essere Vivi....
2017-08-20 18:20:00
Hiper ti parlo per esperienza vissuta. Il trapianto non è certo una passeggiata ma in alcuni vasi è l'unico modo per salvare la na vita è ti assicuro ne ho conosciute di persone che ce l'hanno fatta. Di fatto il midollo viene inoculato tramite una semplice flebo, è la preparazione e il post trapianto che sono impegnativi. Per il donatore invece non c'è gran trauma, si tratta di prelievo eseguito in anestesia tramite puntura. Nessun problema post prelievo ed il midollo si riforma spontaneamente da se. In pratica nessunissimo danno e mi stupisco che di fronte ad una iniezione alcuni si rifiutino quando sanno che possono salvare una vita. RIPETOnon si incide, non si taglia, NON c'è nessuna conseguenza. Pensateci
2017-08-20 15:19:01
Quello che dice hiper è vero, non è una passeggiata, dovrebbe esserci più informazione in questo senso. Non serve a nulla fare il prelievo se poi per assurdo il donatore si rifiutasse di sottoporsi al prelievo del midollo, per paura o altro, e purtroppo se ne sono già sentiti casi simili, addirittura fra consanguinei