Ztl, arrivano altri 33 varchi anti-furbetti: controllate anche le uscite

Giovedì 20 Gennaio 2022 di Mauro Giacon
La zona Ztl
1

PADOVA Entro l’estate il centro storico sarà dotato di 33 nuove telecamere che serviranno per sorvegliare gli ingressi e stavolta anche le uscite per risolvere il problema di chi era autorizzato “a tempo” per portare il figlio a scuola o per scaricare le merci dal furgone e poi non usciva più. «I tecnici stanno già provvedendo ai sopralluoghi» dice l’assessore alla Mobilità, Andrea Ragona.
L’accelerazione è dovuta al fatto che dopo un primo ricorso perso al Tar dai secondi classificati alla gara d’appalto non c’è stato più alcuna rivalsa al Consiglio di Stato. Palazzo Moroni con un investimento di 872 mila euro aveva assegnato la gara per la gestione del nuovo sistema all’austriaca Kapsch TrafficCom che ha avuto vinto con un ribasso del 30%. 
«Quando avremo sistemato le telecamere ci vorrà ancora un po’ di tempo per ottenere l’autorizzazione del ministero e fare il preesercizio» continua Ragona. La previsione è che il sistema sarà operativo per l’estate, compreso un nuovo server e una nuova rete per la trasmissione dei dati.
LA NOVITÁ
La grande novità è che è stato abbandonato l’assetto che aveva pensato l’ex assessore alla Mobiltà Arturo Lorenzoni. Nel 2019 infatti si era pensato a una zona “rossa” libera dalle auto 24 ore su 24 corrispondente alle piazze e al duomo, in cambio di orari più morbidi nel resto della ztl (ad esempio ingresso libero dopo le 20 durante la settimana con sabato e domenica varchi spenti). Invece resterà tutto com’è adesso. Varchi accesi dalle 8.30 alle 23.30 in tutta la ztl e la domenica dalle 14 alle 23.30. Così come accade dal 23 luglio 2018.


LE PIAZZE
Il comparto centrale però sarà allo stesso modo salvaguardato con l’attivazione di sei nuove postazioni che ricalcheranno, queste sì, l’impianto originario per “blindare” la zona. I nuovi varchi si troveranno in piazza Capitaniato, via Vandelli, via S. Martino e Solferino, piazza Antenore via Rialto e riviera Tito Livio.
Ma accanto a loro ci saranno altre 12 telecamere che sorveglieranno le auto in uscita in via S. Tomaso, riviera Mussato, via Tadi, via Livello, Eremitani, S. Biagio, via Cesare Battisti, via S. Sofia, via S. Francesco, via Cappelli e riviera Businello. 


IL PROBLEMA
Le telecamere devono riportare ordine in centro storico. Ogni giorno, dato del 2019, ci sono 210 infrazioni cioè 77mila multe all’anno a fronte di 64 mila permessi di ingresso. Un’assurdità. Ci sono furgoncini che entrano con il permesso di carico e scarico e restano dentro, perchè sanno che non ci sono strumenti che ne rilevino l’uscita. Come invece accadrà fra qualche mese. Con i nuovi strumenti inoltre comincerà una pulizia totale dei permessi. L’obiettivo non dichiarato infatti è proprio questo.
Dunque un centro storico blindato dai varchi anche se resta sospesa per il momento l’idea di accenderli 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, esattamente come già avviene per i due varchi di piazza Insurrezione (via Busonera) e largo Europa. Tutto sommato invece questo assetto può andare bene sia ai commercianti critici sul vecchio piano che agli ambientalisti che confermano così un centro storico blindato.


RAGONA
«L’intervento che non modificherà la normativa, che rimarrà la stessa di prima, ovvero con gli stessi ingressi e uscite della ztl di prima e con gli stessi orari. Si tratta infatti semplicemente di un adeguamento dell’hardware, ovvero una migliore dotazione tecnologica che permetterà l’attivazione di alcune funzioni oggi non previste. Stiamo procedendo un passo alla volta sulla Ztl, perché rispetto a quattro anni fa, quando fu fatto il primo piano di revisione, sono cambiate molte cose e il nostro obiettivo è ragionare complessivamente per rivitalizzare il centro storico. Ad esempio stiamo lavorando all’anello di Giotto, ovvero la pedonalizzazione dell’asse tra il santo e la cappella degli Scrovegni, asse strategico del commercio e del turismo, ancor più dopo il conferimento del sigillo Unesco».
 

Ultimo aggiornamento: 18:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci