Zanzare geneticamente modificate per combattere la malaria: Crisanti guida ricerca internazionale

Mercoledì 30 Giugno 2021
Zanzara anofele

PADOVA - La malaria uccide 400.000 persone all'anno in Africa e finora nessuna delle strategie classiche di controllo (zanzariere, insetticidi, farmaci, candidati vaccini) ha funzionato in modo soddisfacente nei Paesi a basso reddito. Ispirandosi a questi meccanismi naturali, un team di ricercatori dell'Imperial College di Londra, della North Carolina State University, dell'Università tedesca di Würzburg e della britannica Keele University guidato da Andrea Crisanti, direttore del Dipartimento di Medicina molecolare dell'Università di Padova, sta provando a vincere un'altra sfida plurimillenaria, quella tra uomo e malaria.

Lo studio sul controllo genetico delle zanzare vettrici della malattia, "A genetically encoded anti-Crispr protein constrains gene drive spread and prevents population suppression", pubblicato su «Nature Communications», rappresenta l'ultimo progresso in questa direzione. I ricercatori avevano già messo a punto uno stratagemma per favorire la diffusione di geni utili a bloccare la trasmissione della malaria, causando sterilità nelle zanzare Anopheles gambiae o uno sbilanciamento tra i sessi tale da azzerare il loro tasso di riproduzione nel giro di qualche mese.

«I meccanismi mendeliani che regolano l'ereditarietà rappresentano una pesante limitazione: ogni volta che una zanzara modificata si accoppia con una selvatica, infatti, la modificazione genetica verrà ereditata solo dalla metà dei suoi figli e si troverà diluita nella popolazione - spiega il prof. Crisanti -. Se però il gene di interesse viene trainato da un drive genetico, ovvero da un elemento capace di auto-propagarsi, la caratteristica desiderata passerà all'intera progenie. Il metodo più efficace per far funzionare questo approccio è il copia-incolla eseguito con Crispr/Cas9, che nei gene drive diventa una macchina di correzione perpetua del genoma, attiva generazione dopo generazione. Le speranze per controllare il processo o fermarlo del tutto, invece, si sono concentrate sugli agenti anti-Crispr, delle proteine che impediscono alle forbici genetiche di tagliare». 

Ultimo aggiornamento: 15:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA