Zanardi, come sta: settimana decisiva, i medici decideranno il risveglio da coma farmacologico

Monday 29 June 2020

É cominciara una settimana cruciale per Alex Zanardi, ricoverato nel reparto di terapia intensiva del policlinico universitario Santa Maria alle Scotte di Siena dopo l'incidente in cui è rimasto gravemente ferito lo scorso 19 giugno mentre con la sua handbike percorreva la strada provinciale 146 nel comune di Pienza (Si), andando a sbattere contro un tir in transito. L'ex pilota di Formula 1 resta per ora intubato e in coma farmacologico. A giorni i medici potrebbero decidere di diminuire il dosaggio dei farmaci e di risvegliarlo. Solo così potranno essere valutati gli effetti del trauma cranico e facciale subiti da Zanardi e il conseguente intervento neurochirurgico per cercare di riparare i danni. Una prima decisione potrebbe essere presa dallo staff medico interdisciplinare che segue il decorso clinico del campione paralimpico già mercoledì prossimo. Prosegue, intanto, in condizioni cliniche stabili la degenza di Zanardi, sempre in prognosi riservata. Ha trascorso la decima notte ospedaliera senza sostanziali variazioni. I parametri cardio-respiratori e metabolici sono «stabili», rimanendo grave il quadro neurologico.

Zanardi, il figlio Niccolò: «Mi manca quel tuo sorriso, ma so che lo rivedrò presto»

Zanardi, ecco come sta: condizioni gravi, ma stazionarie, ancora in coma farmacologico

Zanardi, la mano del figlio su quella del padre: il tifo di Niccolò vale più di mille appelli
 

Ultimo aggiornamento: 18:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA