Domenica 12 Agosto 2018, 12:24

Lo zampirone contro le zanzare: un'invenzione tutta veneta, lo sapevate?

Lo zampirone contro le zanzare: un'invenzione tutta veneta, lo sapevate?

di Nicola Munaro

PADOVA - Su la mano chi, almeno una volta nella vita, in estate, per scacciare le zanzare, non ha preso in mano quella spirale verde, l'ha accesa e si è difeso con quel suo tipico odore. Sì, stiamo parlando dello zampirone, uno dei classici rimedi estivi contro le punture. Pochi sanno che lo zampirone è un'invenzione tutta veneta, con una correzione in corsa Made in Japan sulla forma, ma comunque frutto del genio di un ragazzo veneziano laureato a Padova in Chimica farmaceutica nel 1859.



Il nostro si chiama Giovanni Battista Zampironi, per molti amici Gio Batta (era lui stesso a firmarsi così), e nel 1862, a 26 anni apre un laboratorio farmaceutico a Mestre per la produzione della Zampirina, in pratica una polvere di piretro della Dalmazia, e del piroconofobo poi denominato fidibus insettifugo che uccide gli insetti agendo sul loro sistema nervoso. È un cono scaccia-zanzare.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Lo zampirone contro le zanzare: un'invenzione tutta veneta, lo sapevate?
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2018-08-13 07:55:21
tanto non funziona ... agli odierni insetti, ormai geneticamente modificati (per loro selezione naturale) anche il veleno non gli fa niente. Solo lo zanzaricidio è efficace!!! magari qualche fondamentalista animalista/vegano ultra convinto avrebbe da ridire contro questa barbara ecatombe di esseri viventi...
2018-08-13 01:41:42
Mah... come ogni prodotto contro gli insetti è tossico (qualsiasi prodotto derivante da combustione è tossico e cancerogeno, compresi i famosi incensi per profumare), tant'è che difatti andrebbe utilizzato solo in spazi aperti, solo che negli spazi aperti con le correnti d'aria il fumo degli zampironi (o di qualsiasi altro prodotto simile) se ne va via col vento e quindi non colpisce nessuna zanzara, se non quelle che per caso si trovassero a volare nella scia dei fumi, quindi in sostanza inutile e inquinante. Sarebbe efficace in spazi chiusi, in cui il fumo dello zampirone (o altro prodotto simile) si diffondesse saturando l'ambiente interno, ma così come sarebbe nocivo per le zanzare lo sarebbe anche con gli umani in quanto tossico essendo prodotto derivante da combustione. Se ci fate caso ogni spray o prodotto contro zanzare o insetti in genere riporta tra le avvertenze: "Usare solo in locali areati" oppure "Areare i locali prima di soggiornarvi", il che significa che si tratta di esalazioni tossiche da non respirare. Quale sarebbe l'utilità di fumigare l'interno della propria casa con sostanze tossiche per poi spalancare tutto per areare e fare uscire questi fumi e quindi dare così nuovamente la possibilità alle zanzare che si trovano all'esterno di entrare dalle finestre lasciate aperte per areare e liberare i locali dal fumo tossico? E' un cane che si morde la coda. Personalmente sono decenni che non faccio uso di questi prodotti dannosi. La soluzione più razionale ed efficace sono le zanzariere applicate a porte e finestre. Viviamo già in ambienti inquinati da una cosa o l'altra (monossido di carbonio derivante della combustione dei fornelli in cucina, aerosol derivanti da spray deodoranti vari, prodotti per le pulizie, colle e formaldeide dei mobli, ecc...) e devo anche mettermi a fumigare casa mia con queste robe che alle zanzare alla fine fanno un baffo e a me causano potenziali intossicazioni e mi creano un ambiente più inquinato di un incrocio di una metropoli trafficata? No, grazie.
2018-08-12 18:08:33
gloria mestrina.
2018-08-12 17:38:09
fantastico! Intelligenza veneta e materia prima dalmatina.
2018-08-12 16:22:35
Genio veneto.......manco avesse scoperto la penicillina......ma per favore.Che poi nemmeno funziona ed è fastidioso.....