Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

West Nile, aumentano i casi in Veneto: 380 contagi, 29 sono donatori di sangue. Padova è la provincia più colpita

Rispetto alla settimana scorsa i decessi salgono a 17, due in più. Sono i dati del bollettino emesso oggi

Venerdì 16 Settembre 2022 di Redazione Web
La diffusione del virus West Nile in Veneto

Ammontano ad un totale di 380 (rispetto ai 321 della scorsa settimana) i casi di West Nile registrati e confermati in Veneto, dei quali 238 di febbre WNF (erano 193) e 142 (erano 128 la settimana scorsa) della forma neuroinvasiva. Sono 29 i casi confermati nei donatori di sangue che vengono testati prima della donazione. Rispetto alla settimana scorsa i decessi salgono a 17 (2 in più).

West Nile in Veneto, ultimi contagi e vittime

Sono questi i dati contenuti nel bollettino numero 9 di Sorveglianza delle Arbovirosi, emesso oggi, 16 settembre, dalla Direzione regionale Prevenzione. La febbre West Nile è provocata dal virus West-Nile, trasmesso dalla puntura di zanzare infette all’uomo e agli animali, generalmente equini ed uccelli. Le zanzare appartengono al genere Culex (specie C. pipiens), mentre come serbatoio di infezione sono state identificate oltre 70 specie di uccelli, soprattutto passeriformi e corvidi, dove il virus può persistere da alcuni giorni a qualche mese. La maggior parte delle persone infette non manifesta sintomi (80%).

Sintomi della febbre del Nilo

Le forme sintomatiche si manifestano con sintomi simil-influenzali lievi, febbre, cefalea, dolori muscolo-articolari, raramente accompagnati da rash cutaneo (febbre, WNF). Meno dell’1% sviluppa una malattia neuroinvasiva, come meningite, encefalite o paralisi flaccida (malattia neuro-invasiva, WNND). Il rischio di malattia neuroinvasiva aumenta con l’età ed è più elevato fra gli adulti di oltre 60 anni di età. Il bollettino riporta anche i numeri della diffusione delle altre virosi. Da segnalare un caso in più di febbre Dengue che registra in totale 21 casi, tutti provenienti da paesi esteri (Brasile, Cuba, Kenya, Maldive, Sri Lanka, Nepal, Thailandia e Togo). 

La diffusione del virus in Veneto

Padova è in assoluto la provincia veneta più colpita con 160 casi di virus West Nile. Seguono Treviso (78), Venezia (47), Vicenza (40), Rovigo (30), Verona (23) e in ultimo c'è Belluno con soli due casi di infezione.

La febbre Dengue, invece, ha colpito maggiormente il Trevigiano (7) mentre 4 casi sono stati scoperti a Padova, Vicenza e Verona, 2 a Venezia. L’esordio è acuto, caratterizzato da febbre per 3-5 giorni, cefalea intensa, mialgia, artralgia, dolori retro-orbitali, disturbi gastrointestinali e rash generalizzato a carattere maculo papulare che compare generalmente alla risoluzione della febbre. 

E poi c'è il Toscana virus che ha infettato 3 persone in provincia di Padova e 1 in quella di Treviso. In Italia è stato isolato per la prima volta nel 1971. La maggior parte delle infezioni umane da Toscana virus sono asintomatiche o caratterizzate da una sintomatologia simil-influenzale di lieve entità, tuttavia possono verificarsi forme neuro-invasive: principalmente meningiti e meningo-encefaliti.

Ultimo aggiornamento: 17 Settembre, 09:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci