Lavoro, fidanzata e carcere: la nuova vita del killer della Uno bianca

Marino Occhipinti a casa della compagna

di Luca Ingegneri

PADOVA - Esce dal carcere alle 7.30 per rientrare poco prima di mezzanotte: non è una vita da detenuto quella che da qualche anno conduce Marino Occhipinti, l’ex agente della Mobile di Bologna condannato all’ergastolo per uno degli omicidi della "banda della Uno bianca": quello della guardia giurata Carlo Beccari, il 19 febbraio 1988. La sua cella al Due Palazzi è ormai una stanza d’albergo, lui ha trovato ospitalità in una casa di Maserà assieme alla compagna, cui è affidato dal Tribunale di Sorveglianza. Occhipinti lavora per la cooperativa Giotto. Dal call center dell’Asl di Padova ora è all’ospedale dell’Angelo di Mestre: lì trascorre le giornate. Poi raggiunge casa della compagna - separata dal 2011 e con 2 figli - con la sua Mercedes classe A. Di notte torna in carcere. 

Occhipinti, condannato come  complice dei fratelli Savi, è considerato un detenuto modello, con un percorso di pentimento. L’estate scorsa destò scalpore la vacanza-premio di una settimana in un hotel a 4 stelle nell’incantevole Cervinia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 5 Novembre 2017, 06:50






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Lavoro, fidanzata e carcere: la nuova vita del killer della Uno bianca
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 35 commenti presenti
2017-11-07 09:39:23
Ottimo articolo, sentivo proprio bisogno di conoscere la vita tipo di un buon ergastolano per├▓ pentito pluriomicida ma che pu├▓ avere un lavoro, degli affetti e anche dei premi produzione. Le vittime ringraziano l'articolista che non le ha degnate di una citazione. Vicinanza alle famiglie delle vittime e consiglio i pennivendoli a cimentarsi con articoli di maggior spessore e e per pudore lasciare che questi criminali continuino la loro vita nell'ombra dove sono stati per una vita, non meritano ne citazioni n├ę la solidariet├á dei cittadini. Ci pensano gi├á i giudici italiani ad interpretare il codice e permettere ad un condannato all'ergastolo ad avere una vita che non hanno pi├╣ quelli a cui lui l'ha barbaramente tolta.
2017-11-06 18:17:23
Con questa "giustizia" Delinquenti e assassini conviene, ti garantisce un ottimo futuro.
2017-11-06 14:03:56
AAA cercasi persona per bene. Qualcuno direbbe: parlamentare...
2017-11-06 07:10:45
In questo paese la legge ├Ę una cosa, la Giustizia un'altra.
2017-11-05 22:10:36
Ci vogliono far credere che si vive in un equilibrata democrazia... in realta' siamo sommersi da ingiustizie ed assurde gestioni medioevali