Ulss, cantieri per 132 milioni: ecco il piano con tutti gli interventi

Venerdì 6 Maggio 2022 di Gabriele Pipia
Ulss, cantieri per 132 milioni: ecco il piano con tutti gli interventi

PADOVA - Gli ospedali di Cittadella, Camposampiero, Conselve e Piove di Sacco, ma anche il complesso Ai Colli e i distretti sanitari in tutta la provincia. Cinquanta cantieri per un investimento complessivo da 132 milioni di euro tra fondi regionali, fondi statali e finanziamenti legati al Pnrr. È il maxi-piano di interventi messo in campo dall’Ulss Euganea per potenziare la sanità padovana da qui al 2025. Moltissimi lavori sono appena partiti e altrettanti scatteranno nei prossimi mesi: il progetto più importante riguarda il restyling totale dell’ospedale di Cittadella ma tutte le strutture - a parte Schiavonia che è quasi nuova e quindi già attrezzata - saranno decisamente potenziate. 
Il direttore generale Paolo Fortuna e il direttore sanitario Aldo Mariotto hanno messo a punto un piano triennale e ora spetta all’ingegnere Tommaso Caputo, direttore dell’Ufficio tecnico dell’Ulss Euganea, coordinare i cantieri. 
 

ANTINCENDIO
Partiamo dalle opere realizzate con fondi regionali e statali. Quest’anno si chiuderanno 12 cantieri attualmente in corso per mettere in sicurezza dal punto di vista della normativa antincendio tutti gli ospedali. Il cantiere principale è quello per l’impianto rilevazione incendi a Camposampiero (4 milioni, chiuderà nel 2023) ma il pacchetto complessivo è da 9 milioni e comprende anche i lavori a Conselve, Cittadella, Piove di Sacco, complesso Ai Colli, distretti di Vigonza, Piove, Albignasego e Padova e la sede Ulss di via Scrovegni sempre in città. 
 

LE RIANIMAZIONI
Il secondo filone d’intervento è legato all’emergenza Covid. Sono già stati realizzati gli specifici pre-triage in tutti gli ospedali e sono partiti i lavori di potenziamento delle Terapie intensive che verranno ultimati entro la fine dell’anno. A Cittadella verranno creati 14 nuovi posti che si affiancheranno ai 6 posti già esistenti (il costo è 4,7 milioni di euro), a Camposampiero 10 nuovi posti andranno a sostituire 6 vecchi letti (3,6 milioni di euro) e infine a Piove sorgerà un nuovo reparto con 8 nuovi posti per un totale di 14 letti con un investimento totale di 3,4 milioni. 
 

L’ELICOTTERO
È già pronta intanto la nuova elisuperficie per l’elicottero del Suem all’ospedale di Camposampiero: è in corso il collaudo e potrà essere operativa entro l’estate. Parliamo di un intervento da 3,5 milioni di euro e andrà ad aggiungersi alle elisuperfici di Schiavonia, Cittadella e Piove di Sacco. Ogni ospedale, dunque, avrà la pista per l’elicottero. 
 

AI COLLI
Molto ampio il progetto di recupero del  icomplesso Ai Colli, a Padova, con lavori da oltre 11 milioni previsti nel biennio 2023-204. Da sottolineare la ristrutturazione del Padiglione 6 (bar, mensa, uffici informatici e altri servizi) ma anche e soprattutto l’intervento al padiglione 3 dove nascerà una nuova Rsa che potrà essere pronta tra due anni. Verrà recuperata anche parte del padiglione 4, oggi abbandonata, per potenziare le aree di Psichiatria e Riabilitazione. 

I NUOVI REPARTI
Molto importante, poi, l’intervento relativo a Cittadella. Sette milioni di euro per sette nuove sale operatorie tecnologicamente all’avanguardia: l’Ulss è in fase di progettazione e i lavori sono programmati tra il 2023 e il 2024. 
Con i fondi del Pnrr, invece, nello stesso periodo a Cittadella aprirà il cantiere più grande di tutti: 48,5 milioni di euro per un appalto complessivo che porterà a costruire la nuova piastra delle degenze. Sono previsti quattro piani da 250 posti letto complessivi per ospitare i pazienti di area medica, chirurgica e riabilitativa ma anche attività ambulatoriali altamente specializzate come neurologia e pneumologia. Il progetto è già approvato ed entro l’estate verrà indetta la gara per l’appalto integrato tra progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori. I primi lavori legati al cantiere partiranno alla fine di quest’anno e la nuova ala ospedaliera sarà pronta entro l’inizio del 2026. Sarà l’intervento più impattante visto che l’ospedale continuerà ad essere ovviamente in funzione. 
 

NON SOLO OSPEDALI
A tutto ciò si aggiungeranno due nuovi ospedali di comunità (a Conselve e Camposampiero) e 18 nuove case di comunità da attivare entro 3 anni. Sarà un triennio di cantieri. 
 

Ultimo aggiornamento: 16:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci