Tram della linea Sir 2 Vigonza-Rubano in partenza: firmato il contratto per 26 mezzi

L'assessore Ragona: «Smentita la falsa propaganda sulla mancata produzione dell'azienda»

Sabato 24 Settembre 2022 di Alberto Rodighiero
Il tram della linea Sir 2

PADOVA - Aps firma il contratto con Alstom per l'acquisto di 26 convogli del tram che saranno utilizzati per il Sir 2. Il Comune attraverso Aps holding, ha sottoscritto il suo primo contratto per la realizzazione del Sir 2, ovvero della linea tranviaria che collegherà Vigonza a Rubano (lunghezza di circa 18 chilometri) e che sarà parte integrante del più ampio progetto Smart. L'infrastruttura è coperta dai finanziamenti europei del Pnrr e del ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili per oltre 335 milioni di euro, di cui 116 destinati all'acquisto del materiale rotabile e 219 per tutte le rimanenti attività, dalla progettazione agli espropri, per arrivare alle forniture e alle opere civili. Giovedì negli uffici di Aps è stato siglato il contratto per la fornitura dei convogli per il Sir 2. Nello specifico sono stati acquistati 20 mezzi a quattro casse (carrozze) e 6 mezzi a tre casse. I convogli saranno forniti da Alstom, la multinazionale che il 31 agosto ha assorbito Ntl, la società produttrice del tram su gomma a guida vincolata tramite monorotaia TransLohr, il mezzo già attivo sulla linea 1 della linea che collega Pontevigodarzere alla Guizza.

Le novità

I mezzi saranno di seconda generazione e perfettamente interoperabili con la flotta esistente per garantire i vantaggi del sistema a rete previsto dal progetto approvato dal ministero. Secondo l'amministrazione comunale, dunque, si tratta di convogli nuovi, frutto di una profonda reingegnerizzazione che ha fatto tesoro dei dati emersi in più di dieci anni di esercizio: i miglioramenti vanno dalla revisione dei telai, alla modifica di motorizzazione e convertitori. Nuovi anche gli assali, la gestione frenaggio e le sospensioni per garantire un maggiore comfort e minore impatto acustico. Saranno anche implementati i dispositivi di sicurezza e di sorveglianza. Il layout interno prevede inoltre modifiche per una più razionale gestione degli spazi e un aumento dei servizi resi ad esempio, ci saranno le prese Usb.

Le voci

«È stata una trattativa lunga e complicata, perché ci siamo fissati l'obiettivo di assicurare il buon esito dell'operazione, nel rispetto dei tempi e del quadro economico stimato, e per ottenere le più ampie garanzie da parte del fornitore - ha spiegato l'ad di Aps Riccardo Bentsik - Ovviamente tutta l'operazione è stata preceduta da un articolato lavoro istruttorio che confermasse la correttezza delle scelte dell'amministrazione». 
«Mi piace e sono felice che si sia prodotto questo passo decisivo in una giornata così importante, quando tanti giovani chiedono alla politica scelte coerenti per salvare il pianeta e l'ambiente - ha aggiunto il sindaco Sergio Giordani - Stiamo lavorando sodo per rispettare i tempi di messa in opera per questa opera fondamentale per Padova e per avere ogni garanzia dai fornitori con i quali si interfaccia Aps».
«Si tratta di un accordo importante a cui stiamo lavorando da mesi - ha concluso l'assessore alla Mobilità Andrea Ragona - Un atto che, qualora servisse ribadirlo, smentisce la falsa propaganda sul fallimento dell'azienda o sulla mancata produzione dei mezzi che ha caratterizzato il dibattito negli ultimi mesi. Nelle prossime settimane aggiudicheremo la gara per la progettazione definitiva del Sir 2 ed entreremo così nel vivo della realizzazione del sistema Smart che, un passo alla volta, è sempre più concreto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci