Top manager disabile aggredito perché "disturba" il cliente del bar

PER APPROFONDIRE: aggressione, disabile, padova, top manager
Top manager disabile aggredito perché
 PADOVA - I carabinieri della stazione Padova hanno denunciato in stato di libertà per il reato di lesioni personali volontarie aggravate dalla minorata difesa un 46enne residente a Padova, l'assicuratore Luca Verde. Sarebbe lui l'uomo che sabato pomeriggio ha aggredito prima verbalmente e poi anche fisicamente un top manager di una multinazionale.

Il diverbio si è verificato all'interno del bar "Caffè Patavino" in Piazza dei Frutti a Padova, e sarebbe scoppiato perché la vittima, che si muove con un piccolo scooter elettrico a causa della sua disabilità, avrebbe disturbato l'altro avventore. Il litigio iniziato all'interno del bar sarebbe proseguito anche fuori, dove Novello è stato aggredito dall'altro che gli ha messo le mani al collo. A Novello in ospedale i medici hanno riscontrato una lesione da stress guaribile in 7 giorni. Secondo quanto denunciato dalla vittima sul giornale il titolare del bar lo avrebbe invitato ad uscire in malo modo.

LEGGI ANCHE Disabile in carrozzina inseguito per strada e rapinato da una donna incinta

«Le vere barriere sono quelle mentali dell'ignoranza e della vile arroganza che impediscono di riconoscere il diritto di tutti al rispetto, alla dignità e alla libera esistenza». Lo dice l'assessore regionale veneto alla Sanità e al sociale Manuela Lanzarin commentando l'episodio di aggressione e discriminazione di cui è stato oggetto il manager a Padova. «Sono sconcertata, amareggiata e avvilita - rileva Lanzarin - che nella civile città di Padova, candidata a capitale europea del volontariato, in uno dei locali pubblici più prestigiosi fulcro della vita sociale della città, si sia fatto muro in modo così vile e insultante nei confronti di un cittadino, già ambasciatore, una lunga carriera nella diplomazia e ora manager di caratura internazionale, che combatte da anni contro lo sclerosi multipla e si sposta con l'ausilio di un mezzo motorizzato».


«È dovere delle istituzioni, lo insegna la Costituzione - aggiunge - rimuovere ogni ostacolo, fisico e culturale, che costituisca un impedimento alla vita libera delle persone. E la Regione, nell'ambito delle proprie competenze, sollecita e sostiene i Comuni nel dotarsi di piani per l'abbattimento delle barriere architettoniche, investe milioni di euro nel superamento delle barriere linguistiche e per attuare politiche di inclusione delle persone disabili, qualunque sia la loro età, condizione ed estrazione sociale». «Da parte mia, un grazie di cuore al coraggio e alla forza d'animo dell'aggredito - conclude -, che in questa triste vicenda non esita a sottolineare la sensibilità dimostrata dalle istituzioni, dal servizio sanitario alle forze dell'ordine: sono al suo fianco e, a nome della giunta regionale, sarò onorata di poterlo incontrare e di averlo come testimonial e consulente per progettare insieme segni, gesti e iniziative che possano fendere i muri di indifferenza e di inciviltà, promuovere atteggiamenti mentali e comportamenti culturali di vera inclusione e aiutare tutti noi a non soffermarci sull'ostacolo apparente della disabilità ma ad apprezzare il valore integrale delle persone, che nessuna disabilità potrà mai intaccare».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 14 Novembre 2019, 13:49






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Top manager disabile aggredito perché "disturba" il cliente del bar
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2019-11-15 19:52:29
Assolutamente ingiustificabili aggressioni e mani addosso soprattutto nei confronti di persone meno fortunate. Detto questo, pur condannando senza se e senza ma il cosidetto top manager ( piu' topo che manager...)che magari crede di essere il padrone del meondo ( ne conosco parecchi di questi tizi...) mi piacerebbe sentire anche le altre " campae" presenti nel bar. Perche' purtroppo spesso i disabili credono di potersi fare le regole a modo loro senza rispettare gli altri
2019-11-15 15:27:36
Ad ascoltare l'intervista "dell'aggressore" mi sa che certi commenti e pollici andrebbero forse riconsiderati. Ma si sa che quando le dita sulla tastiera prudono proprio non si resiste al commentare a qualsiasi costo.
2019-11-15 09:34:38
Ma un disabile non dovrebbe essere trattato come tutti gli altri nei diritti e nei doveri, ma con rispetto per la sua disabilita?
2019-11-15 08:16:11
Sempre a difesa dei piu deboli ma NON sempre i piu deboli hanno ragione!!!
2019-11-15 08:00:11
# Clodone.# Approvo pienamente il suo ragionamento..... Non sempre si ha la visione completa delle cose. A chi è contento che l'eventuale aggressore sia un italiano dico che in un paese normale ci sono anche delinquenti nostrani.... purtroppo nel nostro gli " indigeni " sono sopraffatti dagli integrati.... Comunque disabile o meno, è sempre da condannare un gesto simile.