Terme Abano-Montegrotto, chiudono ​tutti gli alberghi, settore a rischio

Mercoledì 11 Marzo 2020
Abano centro
ABANO - Le restrizioni imposte dal Dpcm, l'impossibilità di muoversi sull'intero territorio nazionale e quindi di conseguenza di entrare ed uscire, senza titolo valido, dalla Provincia di Padova hanno provocato la chiusura degli alberghi delle Terme di Abano, Montegrotto, Galzignano, Battaglia e Teolo, la più grande area termale d'Europa. L'annuncio in una nota del Consorzio Terme Colli Euganei.

«La sola deroga per le prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza non consente infatti di sostenere, a livello economico, la regolare attività dei servizi delle strutture alberghiere del territorio euganeo», spiega in una nota il Consorzi che denuncia «la più grande crisi economica di sempre». «L'imprevedibile ondata di cancellazioni delle scorse settimane, con picchi di disdette di oltre il 90%, e le ulteriori misure di restrizioni messe ora in atto, da molti Stati della Comunità Europea e non, hanno creato un danno irreparabile all'equilibrio economico dell'area, tanto da mettere a rischio la stessa esistenza dell'intero settore», denuncia ancora chiedendo «che tutte le istituzioni mettano in campo immediatamente tutte le azioni necessarie per il sostegno economico-finanziario delle imprese e strumenti che diano tutela ai lavoratori di questo settore». 
Ultimo aggiornamento: 09:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA