Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Le rubano la bicicletta: studentessa riesce a fermare il ladro

Sabato 25 Giugno 2022
Una bicicletta generica rubata e ritrovata

PADOVA - Una studentessa è riuscita a fare arrestare il ladro della sua bicicletta. La ragazza, residente in un B&B del centro storico, nel pomeriggio di giovedì, 23 giugno, si trovava in piazza Capitaniato sede delle facoltà di Filosofia e Scienze umane. Qui ha posteggiato la sua bici del valore di 300 euro in una rastrelliera e assicurandola con il lucchetto. Ma mentre era all'esterno dell'Università, per una pausa dallo studio, si è accorta di un uomo vicino alla sua bici con in mano un cavalletto, rubato e staccato a un'altra bicicletta. Il ladro lo stava usando per fare leva sul lucchetto e così spaccarlo. Ma la studentessa è riuscita a dare l'allarme grazie a una guardia giurata della Civis, impegnata nel controllo degli istituti universitari. Il vigilante ha chiamato il 113 e in piazza Capitaniato è intervenuta una pattuglia della sezione Volanti. I poliziotti hanno bloccato il ladro di biciclette, che nel frattempo non è riuscito a scappare. In mano aveva ancora il cavalletto, lungo 25 centimetri, che ha utilizzato come leva per rompere il lucchetto della bici della studentessa. L'uomo, un cittadino tunisino di 36 anni, una volta identificato è stato accompagnato in Questura per ulteriori accertamenti. In un secondo momento il 36enne nordafricano, una volta avvisato il pubblico ministero di turno, è stato tratto in arresto con l'accusa di tentato furto aggravato e possesso ingiustificato di chiavi e grimaldelli. La bicicletta è stata poi riconsegnata alla studentessa, che ha potuto così raggiungere il B&B al termine della sua giornata di studio. Chi ruba una bicicletta, come ha tentato di fare lo straniero finito in manette, nella maggiore parte dei casi la rivende per incassare i soldi utili ad acquistare una dose di sostanza stupefacente. E in molti, sempre come il 36enne maghrebino, per spaccare i lucchetti si muniscono di un cavalletto staccato e rubato da un'altra bici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci