Mercoledì 22 Agosto 2018, 17:03

Uccisa dal tumore, Facebook chiude il blog di Sofia. La mamma: riaprite

Sofia Zilio

di Federica Cappellato

PADOVA - Il blog "Il mio, il nostro cammino", creato da Sofia, non c'è più. Quelle parole di lotta senza quartiere contro il tumore, di speranza in una vita normale, di invito a tutti ad apprezzare la salute e le piccole gioie del quotidiano, sono sparite dal social network. Duemila contatti aveva il blog, creato dalla ventiseienne Sofia Calliope Zilio di Cadoneghe stroncata tre settimane fa da un tumore al polmone, recidiva di una neoplasia all'osso. La voglia di condivisione trasformatasi in un testamento-web che mamma Rossella avrebbe voluto conservare. "Facebook l'ha disattivato senza il mio consenso, sto cercando di farlo tornare in linea perché non è giusto", dice la donna che ricorda come l'insegnamento che voleva dare Sofia era l'amore.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Uccisa dal tumore, Facebook chiude il blog di Sofia. La mamma: riaprite
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-08-23 18:22:23
FB offre la possibilita' -ma solo se uno ha i dati di accesso- di trasformare il profilo di un congiunto deceduto in una "memoria" a sola lettura. Se non lo si fa, FB che e' proprietaria del sito e delle risorse di memorizzazione, e' padronissima di chiudere il profilo.Leggere le condizioni di utilizzo.
2018-08-23 15:46:17
Tempi moderni. Da tempo c'e' un dibattito sulla "ereditabilita' " dei "beni elettronici. Account di posta, file vari (mp3, libri, foto), profili social in caso di decesso del titolare a chi appartengono ? Se gli eredi hanno le password di accesso probabilmente riusciranno a utilizzarne i contenuti. Altrimenti ? Al momento oblio elettronico ...
2018-08-23 13:40:49
se è morta lei su facebook non ci scrive più. se vogliono mantenere qualche suo ricordo si fa come una volta: foto e filmati.
2018-08-23 14:46:16
essere liberi di scegliere??
2018-08-23 10:01:30
Facebook è, in questo caso e per certi aspetti, il modello della "cultura dello scarto", come la definisce Papa Francesco; quando non servi più, non porti "ricchezza" a qualcuno, diventi anziano e/o ammalato, devi essere "cancellato", pure nella memoria delle persone. Con una tale mentalità la maggioranza dell'umanità dovrà solo nascere (quando gli sarà permesso), "rendere" più possibile e, terminato il periodo in cui si è attivi ..... morire presto, in tutti i sensi. E nel frattempo, finchè sei "produttivo", spendere tutto quello che guadagni in cose, .... all'80% inutili. A favore di quella minoranza dell'umanità che fa esattamente il contrario!