A Padova si accende il Natale, monumenti illuminati con il videomapping

Venerdì 9 Dicembre 2022 di Alberto Rodighiero
A Padova si accende il Natale, monumenti illuminati con il videomapping

PADOVA - Con l’Immacolata entra nel vivo il Natale padovano. Ieri mattina - 8 dicembre - ha fatto il suo esordio la fiera di Natale con le bancarelle distribuite un po’ in tutte le piazze. Nel pomeriggio, invece, Babbo Natale dopo un lungo tour per il centro storico, è arrivato al suo villaggio in piazza Eremitani.

IL VILLAGGIO

Un tour iniziato alle 11 alle porte Contarine che poi ha toccato via Matteotti, largo Europa, via San Fermo, via Borromeo, via San Fermo, piazza Insurrezione, corso Milano, via Dante, via Santa Lucia , via Cavour, via Oberdan, piazza Della Frutta, piazza Dei Signori, piazza Delle Erbe, via Dei fabbri, via San Martino e Solferino, via Roma, via Umberto I, Prato della Valle,via Belludi, piazza del Santo, via Del Santo, via Zabarella , via Altinate e via Cassan. Attorno alle 16, poi, Babbo Natale ha preso posto all’interno della sua casetta in piazza Eremitani dove, fino alle 20, ha ricevuto le letterine delle decine di bambini arrivati per consegnare le loro richieste in vista del 25 dicembre e per farsi una foto ricordo. 


LE PROIEZIONI
Alle 18 e 15, invece in piazza Delle Erbe l’assessore al Commercio Antonio Bressa ha inaugurato lo spettacolo di videomapping che da qui alla Epifania ogni mezz’ora sarà proiettato su palazzo della Ragione.


L’ASSESSORE
«Lo spettacolo animato di quest’anno ha una connotazione green – ha spiegato l’assessore - Partendo dal tema delle stelle, al centro della comunicazione natalizia, si arriva a sviluppare immagini rappresentative di fiori per augurare buone feste a tutti gli spettatori esaltando al tempo stesso il rispetto e l’attenzione nei confronti della natura che ci circonda. Un esperimento già riuscito con successo sulla facciata di San Pietro a Roma che arricchisce così quest’anno la spettacolare scenografia sui palazzi monumentali del centro storico che continua ad attirare tante persone nel periodo di Natale».
Lo spettacolo, realizzato da Circuitozero, si sviluppa attraverso una serie di scene. La parte iniziale celebra la magia del periodo di Natale e le stelle tanto care alla città di Padova, attraverso utilizzo di caleidoscopi colorati che ricordano sia gli astri che i fiori. In una delle ultime scene palazzo della Ragione viene trasformato in una serra vittoriana a celebrare l’orto Botanico più antico al mondo.
Nel passaggio dal giorno alla notte, appare un pavone colorato che vola attraverso la piazza e compare poi in tutto il suo splendore un pavone bianco che dispiega le sue piume a ruota. Il pavone è noto come l’uccello dai cento occhi; questi nel suo piumaggio rappresentano le stelle, l’universo, il sole, la luna, e la “volta celeste”. È anche il simbolo della trasformazione in positivo di qualsiasi situazione negativa. Iconografia radicata inoltre nella tradizione antica cristiana a rappresentare lo Spirito Santo, la maestosità e regalità del divino.
Nella penultima scena la celebre frase di Galileo: “Le cose sono unite da legami invisibili. Non puoi cogliere un fiore senza turbare una stella” ricorda agli spettatori che siamo tutti sotto lo stesso cielo e che le nostre azioni possono davvero fare la differenza. Per concludere, un po’ di colore e musica che avvolge il pubblico fra le stelle.
Il videomapping, però, riguarda anche altri monumenti cittadini. Per esempio la Basilica di Santa Giustina. Dopo l’esperimento dello scorso Natale di illuminazione della facciata, rimasta incompiuta nei secoli nonostante numerosi progetti, che riproduceva fedelmente uno di questi, il prospetto quest’anno è stato arricchito con le decorazioni floreali presenti all’interno dei paliotti degli altari. 
 

Ultimo aggiornamento: 20:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci