Saonara, caccia al maniaco: si masturba davanti a una 53enne che fa jogging

Venerdì 21 Febbraio 2020 di Cesare Arcolini
Maniaco sull'argine si masturba davanti a una 53enne che fa jogging
5

SAONARA - Si è abbassato i pantaloni e ha cominciato a masturbarsi davanti ad una donna che stava facendo jogging lungo l'anello dell'idrovia a Villatora di Saonara. Dopo parecchio tempo, torna d'attualità il problema degli esibizionisti che affollano gli argini alla ricerca di situazioni proibite per soddisfare le proprie pulsioni sessuali. L'allarme è stato lanciato l'altro giorno alle 15,30 da una commessa di 53 anni residente a Vigonovo (Venezia). Della vicenda sono al corrente sia i carabinieri della stazione di Legnaro che i colleghi veneziani che hanno effettuato un sopralluogo subito dopo l'allarme lanciato dalla vittima.

Pedofilo al parco giochi: tradito dall'auto. Ha 26 anni e ha già colpito due volte

SGRADEVOLE INCONTRO
«Il jogging è la mia passione - ha raccontato ieri la donna - l'area dell'idrovia soprattutto ora che le giornate stanno diventando soleggiate è ideale per fare sport a cielo aperto. L'altro giorno sono uscita di casa e da Vigonovo ho iniziato il mio solito giro fino ad arrivare a Saonara per poi tornare indietro. Arrivata nell'area di Villatora, ad un tratto da una colonna proprio dove solitamente trovano posto i pescatori si è materializzato un uomo che dopo aver pronunciato poche parole incomprensibili ha cominciato a toccarsi le parti intime».

Dopo un primo comprensibile momento di smarrimento la commessa non si è persa d'animo e ha provato a rincorrere il bruto in compagnia di un altro sportivo che nel frattempo aveva assistito alla scena. «Quel disgraziato - ha proseguito la donna - ha fatto in tempo a dileguarsi nonostante gli fossimo corsi dietro. Ai carabinieri che sono subito intervenuti l'ho descritto come un individuo di circa 40 anni, carnagione chiara, probabilmente italiano».
La vittima ha voluto lanciare un appello: «Questa è una delle zone più belle dove poter fare sport lontano dai pericoli. Dispiace che certi uomini utilizzino l'area per i loro morbosi bisogni sessuali. Mi auguro che sia le forze dell'ordine che gli amministratori capiscano che servono controlli sempre più serrati per eliminare l'emergenza. Spero che questo individuo venga identificato quanto prima. L'altro giorno ha incontrato me che ho carattere e non mi sono bloccata di fronte alla disgustosa situazione. Non oso pensare se al mio posto vi fosse stata una giovane sprovveduta che poteva andare nel panico. Meglio risolvere al più presto il problema».

VIDEOSORVEGLIANZA
L'area oggetto della segnalazione è coperta anche da videosorveglianza. E' probabile che già nei prossimi giorni gli investigatori dell'Arma decidano di approfondire la vicenda per bloccare sul nascere l'esibizionista. La commessa ha concluso con un invito a tutti gli amanti dello sport a cielo aperto: «Ho denunciato quanto mi è capitato per mettere in guardia tutti i fruitori del parco dell'idrovia. Ciò non significa che dobbiamo avere paura. È fondamentale segnalare tempestivamente ai carabinieri ogni situazione anomala».

Ultimo aggiornamento: 18:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA