Studente salva il vicino di casa dall'infarto: «La compagna gridava e chiedeva aiuto»

PER APPROFONDIRE: infarto, padova, riccardo sera, vicino
Riccardo Sera

di Lucio Piva

PADOVA - Ha appena 19 anni ed è già un esperto in questioni di cuore. Non nel senso di passioni e sentimenti, peraltro comuni alla sua età. Ma del funzionamento, propriamente inteso, del muscolo cardiaco. Riccardo Sera, studente dell'ultimo anno del Ipsia Bernadi, mettendo a frutto la lezione di un corso di heartsaver, concluso pochi giorni prima in classe, ha così soccorso in modo provvidenziale un vicino di casa colto da un malore, scongiurandone, se non il decesso, quando meno il rischio di subire danni cerebrali irreversibili. 

Tutto è accaduto qualche giorno fa in uno dei condomini di via Luxardo, nella zona di Torre, dove Riccardo vive con la famiglia. «Poco dopo pranzo racconta il 19enne una nostra vicina si era disperatamente attaccata ai campanelli del residence chiedendo aiuto. Il suo compagno era stato appena colto da un malore. La signora aveva immediatamente chiamato i medici del 118. Ma erano stati loro a raccomandarle di non perdere secondi preziosi e trovare subito qualcuno in grado di compiere le operazioni di massaggio cardiaco». Riccardo non ci ha pensato due volte. È corso a casa della vicina e ha trovato l'uomo sul divano di casa. «Al telefono continua il ragazzo i sanitari del 118 davano istruzioni su come compiere le compressioni toraciche, ma nessuno si sentiva di farlo»...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 17 Aprile 2018, 10:53






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Studente salva il vicino di casa dall'infarto: «La compagna gridava e chiedeva aiuto»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-04-17 20:44:31
Bravo ragazzo, anzi bravo uomo.
2018-04-17 13:59:27
Grande Riccardo! Per fortuna qualche giovane in gamba ogni tanto salta fuori! La scuola deve essere in grado di crescere dei giovani istruiti, ma anche capaci di affrontare situazioni complicate come questa! Ogni 4-5 anni per fortuna, leggiamo anche qualche notiazia positiva!
2018-04-17 12:43:21
Qualche ora in meno di nozionismo .Se di forme retoriche della lingua italiana se ne imparano 10 anziche' 30 , se si salta qualche regoletta sulla derivazione, non e' grave lesione alla formazione culturale.Per far posto a qualche lezione teorica e pratica....tanto meglio.Specie se a volte a sentirsi male e' un docente .Invece della alternanza scuola lavoro dai risvolti vari e a volte comici, meglio corsi con tanto di patentino per soccorso , sicurezza ed anticendio, educazione stradale.Poi servono...nella vita o come cosa fatta se assunti per grazia divina.
2018-04-17 14:11:33
condivido. anche perché dai "cattedrati" de noantri non è che se ne cavi granché dal buco dell'ignoranza...;-)