Giovedì 12 Settembre 2019, 13:23

Va a pattinare al parco e cade: i genitori fanno causa al Comune

Va a pattinare al parco e cade: i genitori fanno causa al Comune (Foto di Markus Trier da Pixabay)
PADOVA - Va a pattinare al parco, cade e i genitori fanno causa al Comune. Il fatto risale al 17 settembre 2017. Quel giorno un bambino padovano è al parco Perlasca di via Pio X per passare qualche ora sui pattini. La giornata, però, non finisce nel migliore dei modi. Il minorenne, infatti, mentre pattina sulla piastra in cemento, cade a terra. Per lui qualche sbucciatura, una botta all'orecchio, e poco altro. Per fortuna, niente di più grave. Nonostante questo, i suoi genitori hanno deciso di far causa al Comune presentando il 9 ottobre di due anni fa una richiesta di risarcimento. La giunta Giordani, però, non ci sta e ha deciso di resistere in giudizio. Per farlo, martedì scorso la giunta ha approvato un'apposita delibera. «Abbiamo fatto tutte le verifiche del caso - ha spiegato ieri l'assessore all'Avvocatura civica,
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Va a pattinare al parco e cade: i genitori fanno causa al Comune
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2019-09-13 10:38:03
Poi ci stupiamo che i tribunali sono intasati...
2019-09-13 09:34:43
Il Comune deve far causa ai genitori per non aver controllato che il loro figlio non si facesse male con i pattini da loro stessi acquistati. Il figlio inoltre deve essere tutelato legalmente da una figura terza e fare causa anch'esso ai propri genitori. E se risulta che i genitori non sono in grado di controllare il loro figlio, deve essere valutata la messa in affido del minore.
2019-09-13 08:53:10
A saperlo.... con tutte le ginocchia che mi sono sbucciato da piccolo nei giardinetti pubblici, ora i miei genirori sarebbero ricchi!
2019-09-13 07:25:59
Il contraltare che ho visto:piste di pattinaggio con corrimano, di cemento bello liscio..chiuse con lucchetto e contanto di cartelli "vietato entrare, perutilizzopresntar edomanda scritt all'ufficio comunale sport".Conseguenza...dal boropistalancianobottiglie di birra , lattine , cresconoleprim egramigne, panchine dilegno maceratedalacqu apiovana.Altre piste coperte conlastessa trafila..pure anellidi asfaltoche dovrebbero servira per atletica..nelelmedesimemcondizioni.Ilpibblicoha terrore dicause legalei e rende tutto vietato salvo permesso in carta bollata,orari, programmi, liberatorie e magari pagamento per occupazione .
2019-09-13 07:15:56
Oddio. Se nel parco c'era una pista di pattinaggio che presentava dei problemi strutturali, di gestione o di manutenzione che hanno determinato la caduta e' un conto. Altrimenti ... Anzi. In un mondo civile il giudice Salomone condannerebbe i genitori per la mancata sorveglianza sul figlio che si e' fatto male dove NON doveva andare