Chiesto il rinvio a giudizio per due dirigenti della Sanità veneta: avrebbero falsificato le verifiche sui tamponi rapidi. Crisanti: ho fatto io l'esposto

Roberto Rigoli e Patrizia Simionato avrebbero comprato 500mila kit per un valore di 2 milioni di euro

Giovedì 21 Luglio 2022 di Redazione Web
Test rapido
1

PADOVA - Rinvio a giudizio per il microbiologo Roberto Rigoli e per l'ex direttore generale di Azienda Zero Patrizia Simionato. È la richiesta avanzata dal pubblico ministero di Padova, Benedetto Roberti, per i cosiddetti "tamponi rapidì", sperimentati tra la prima e la seconda ondata Covid.

L'accusa

In concorso tra loro, i due sarebbero responsabili di falsità ideologica in atti pubblici commessa da pubblico ufficiale e turbativa nel procedimento di scelta del contraente. Rigoli avrebbe confermato di aver effettuato l'iter per verificare l'idoneità di quei test, che Azienda Zero poi comprò in due tranche, senza gara, dalla ditta Abbott. Quasi 500 mila kit, per un costo più di 2 milioni di euro. Stando però a quanto ricostruito dagli inquirenti, l'idoneità necessaria non era stata verificata. Il che avrebbe penalizzato le altre ditte che avevano presentato delle offerte. Sempre secondo il pm, Rigoli avrebbe anche fornito documenti falsi per attestare che test di tamponi rapidi erano stati verificati sui pazienti entrati in pronto soccorso a Treviso.

Crisanti: merito mio

«Ho presentato un esposto in cui non menzionavo nessuno ma semplicemente sottolineavo che venivano usati tamponi rapidi che non erano idonei per lo screenig di sorveglianza, perchè non avevano la sensibilità giusta». Lo dice all'Ansa il Andrea Crisanti, professore ordinario di microbiologia all'Università di Padova, dalla cui denuncia è partita l'inchiesta della Procura euganea che vede indagati il microbiologo Roberto Rigoli e l'ex dg di Azienda Zero Patrizia Simionato per i cosiddetti 'tamponi rapidì, sperimentati tra la prima e la seconda ondata Covid. «L'esposto è partito sulla base di uno studio che avevamo condotto - precisa - all'Università di Padova, studio che è stato aspramente criticato e contestato dalle autorità regionali». «Adesso la Procura di Padova, evidentemente sulla base della mia denuncia, - rileva - , ha fatto delle indagini e ha tratto le su conclusioni». Per Crisanti il pm «ha avanzato delle ipotesi di reato che mi sembrano gravissime». 

La difesa della Simionato

«La dottoressa Simionato respinge con forza le accuse avanzate dalla Procura della Repubblica di Padova». Lo sottolinea il suo legale, Alessandro Moscatelli, in riferimento alla richiesta di rinvio a giudizio da parte del Pm Benedetto Manlio Roberti per il microbiologo Roberto Rigoli e l'ex dg di Azienda Zero Patrizia Simionato per i cosiddetti 'tamponi rapidì, sperimentati tra la prima e la seconda ondata Covid. «Emerge già oggi - senza necessità di un processo - come la stessa si sia sempre comportata con i soli obiettivi di tutelare la salute pubblica - afferma il legale all'Ansa - e di preservare gli interessi della pubblica amministrazione». Per Moscatelli, «la dottoressa Simionato non ha commesso alcun reato». Questo perchè «non spettava alla dottoressa Simionato né ad altri indagati verificare le caratteristiche del tampone rapido della Abbot distribuito ed usato in 120 paesi in tutto il mondo anche attraverso il Global Fund, l'Organizzazione Mondiale della Sanità». 

La difesa di Rigoli

«Ritengo di aver operato nello svolgimento della mia attività con il massimo scrupolo e nell'esclusivo interessse della collettività». Lo afferma questa sera il microbiologo Roberto Rigoli, confermando di aver ricevuto la notifica della richiesta di rinvio a giudizio con la fissazione di una udienza preliminare. Per Rigoli, «come risulta dalla documentazione amministrativa relativa al bando di gara e da molti altri elementi di indagine raccolti, nella procedura per l'acquisto dei test rapiti per la rilevazione dell'antigene Covid 19 dell'agosto 2020, mi era stata domandata una verifica documentale della corrispondenza tra le caratteristiche tecniche richieste dall'avviso pubblico e le schede tecniche della casa produttrice». Il dirigente sanitario aggiunge: «effettuavamo poi anche una valutazione sull'idoneità tecnica complessiva del kit che conteneva il test rapido (cioè la sua idoneità ad essere impiegato con facilità dagli operatori nel contesto emergenziale in atto)». Per Rigoli non era invece stata richiesta «un'autonoma valutazione scientifica sull'attendibilità delle specifiche tecniche dichiarate dalla casa produttrice del test». Una indagine del genere, spiega, «sarebbe stata del resto impossibile da svolgere poichè, da un lato, avrebbe richiesto uno studio dai tempi incompatibili con quelli ristrettissimi dettati dalla emergenza sanitaria e, dall'altro, i prodotti erano già stati oggetto di controllo e certificazione da parte degli enti competenti, anche internazionali». Rigoli confida infine «che già all'udienza preliminare sia possibile chiarire ogni aspetto della vicenda e appurare la correttezza del suo operato».

Ultimo aggiornamento: 22 Luglio, 17:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci