«Non ho il certificato di nascita, se muoio non vengo sepolta»

Barbara Peron

di Federica Cappellato

PADOVA - Barbara Peron, nata a Padova e abbandonata dalla mamma subito dopo il parto, cresciuuta a Spinea (Venezia), ora vive in Germania. Da poco ha scoperto di non essere figlia unica, un particolare che l'ha spinta a cercare oltre alla madre biologica, anche il fratello. Dispone però di pochi elementi. «Alla soglia dei cinquant'anni non sono in grado di dare a un medico alcuna informazione sanitaria. Se morissi in Germania rischierei addirittura di non poter essere sepolta, perché non dispongo neppure del mio integrale di nascita, obbligatorio in Germania per l'autorizzazione della sepoltura, ma bloccato dal tribunale per ragioni di privacy». 

LA RICERCA DELLA MADRE BIOLOGICA
Anche se dispone di pochi elementi tra cui il suo gruppo sanguigno ARh negativo. È l'unico indizio su cui Barbara Peron fa leva per riannodare i fili della sua vita. Per quasi quarantotto anni ha creduto di essere figlia unica, nel 2016 la scoperta casuale di avere un fratello, figlio della stessa madre. Ora, alla soglia dei cinquant'anni, Barbara vorrebbe farsi un grandissimo regalo: conoscerlo e così recuperare notizie di sua madre, quella che l'ha partorita all'Ospedale di Padova il primo dicembre 1969. «Nel dicembre del 1969 aveva 19 anni, non era sposata, ha il sangue ARh negativo e probabilmente si chiama Maria»...
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 26 Maggio 2018, 09:50






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Non ho il certificato di nascita, se muoio non vengo sepolta»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-05-26 22:10:56
... se muoio.. e chi lo dice che devi per forza morire.. in tali condizioni di sofferenza burocratico amministrativa neppure la morte ti vuole.. mica vuole entrare in conflitto con questo brontosauro sa bene che ne uscirebbe " morta " o quasi..
2018-05-26 21:27:01
Cerco mia madre per poter morire in pace . Un altro assurdo diktat tedesco a cui non ci vogliamo piegare !!!
2018-05-26 18:30:45
Questa storia dei certificati obbligatoi mi pare strana: quanti "rifugiati" in Germania viaggiano con certificato di nascita in tasca? E se muoiono li mettono in freezer???
2018-05-26 12:43:11
non ha gli occhi azzurri, si metta il cuore in pace. finora in qualche modo li hanno sepolti tutti. anche in germania.
2018-05-26 12:11:52
In compenso finché vivi non serve che paghi tasse e gabelle varie