Il prof offende la miss in classe davanti al fratellino di 14 anni

Il prof offende la miss in classe
​davanti al fratellino di 14 anni

di Michelangelo Cecchetto

PADOVA - Ha affrontato senza timori le minacce e le critiche di quei musulmani che non volevano che lei continuasse a sfilare, a maggior ragione sotto le telecamere e lungo le passerelle di Miss Italia. Ora la modella e ballerina padovana Ahlam El Brinis, originaria del Marocco, fin da piccolissima residente in Italia e cittadina italiana (FOTO), attraverso il suo profilo facebook, denuncia pubblicamente un altro episodio che la ferisce ancora di più, perché coinvolge anche il fratello quattordicenne che frequenta il primo anno in un istituto superiore della città.


«Mia mamma e il suo compagno hanno avuto un incontro con il dirigente scolastico ed il docente - spiega Ahlam - Il professore ha parlato di errore di comprensione degli studenti e che lui ha detto che cara, ma sono stati in tanti che hanno sentito l'altra parola. Non fosse così mio fratello, ragazzo molto sensibile, non me lo avrebbe riferito e non si sarebbero stupiti anche gli altri compagni di classe»...

 
 
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 14 Aprile 2017, 08:56






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il prof offende la miss in classe davanti al fratellino di 14 anni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 53 commenti presenti
2017-04-15 15:15:57
Di che fede religiosa e' il professore ? Ovvero, se ha espresso lo stesso parere che avrebbe espresso il 99% dei correligionari della ragazza, chi e' razzista ?
2017-04-14 20:45:07
la ragazza ha il diritto di vestirsi come meglio crede e se ha dei sogni deve essere libera di poterli realizzare . Niente da dire su quanto vedete in rai ? , per strada ? , sui social ? No ? Allora " caproni -bacchettoni " astenetevi dal commentare e pensate con quanti "maiali" avete a che fare tutti i giorni !
2017-04-14 17:37:30
piena solidarietà al prof. Nessuno che si è scandalizzato perchè gli alunni in prima superiore usavano il cellulare per navigare e guardare foto "erotiche". Non credo che gli alunni con quelle foto discutessero sul neo realismo post libertino. il commento del prof. che ha interagito con gli alunni senza sequestrare cellulari ha avuto il solo errore di non tenere conto che nelle foto c'era la sorella di uno studente. se uno mi taglia la strada col motorino e gli do del figlio di p.... non intendo dire che sua madrea sia una prostituta. quando vedo certe foto, a me viene in mente un letto e posizioni varie col soggetto, poi se dovevo notare l'ombra sulla parete, il diaframma usato per lo scatto, il gioiello che lega col costume allora scusate, starò più attento la prossima volta. buona pasqua
2017-04-14 20:39:06
Poareto
2017-04-15 11:03:17
scommetto che lei è un fervente cattolico