Foucault, il pendolo torna a oscillare: «Un pezzo di storia del Bo»

Lunedì 25 Ottobre 2021 di Nicoletta Cozza
Il pendolo di Foucault al Bo
1

PADOVA - L'idea era nata nel corso di un evento, organizzato due anni fa a Palazzo della Ragione in coincidenza con la Giornata mondiale della vista, organizzato dal Lions di Padova e Provincia, per sensibilizzare sul problema di come le persone riescano a percepire il mondo non solo attraverso gli organi di senso, ma anche grazie alla mente. In quella circostanza era stato il pendolo di Foucault situato all'ingresso a simboleggiare proprio la luce della mente. Lo strumento, però, era fermo da tempo e quindi i soci del club decisero di sponsorizzare l'intervento per rimetterlo in funzione, in modo che le sue oscillazioni rappresentassero un'ulteriore testimonianza della vocazione scientifica della città universitaria, che si perpetua da 8 secoli.
E ieri, a conclusione delle operazioni di ripristino, costate 10mila euro, nel medesimo contesto è stato presentato il restauro durante una mattinata di approfondimento intitolata Dallo studium all'Università, organizzata dal Lions in collaborazione con Comune e Ateneo, e che rientra nell'ambito delle iniziative per gli 800 anni del Bo. Ad alternarsi sul palco per spiegare come è stato rimesso in funzione il meccanismo, sono stati l'assessore alla Cultura Andrea Colasio; il prorettore alla didattica Marco Ferrante; il vice prefetto Luigi Vitetti; il delegato vescovile don Gianandrea Di Donna; il governatore del Distretto Lions 108Ta3 Giovanni Nardelli; il presidente del Lions Club Padova Host Riccardo Bastianello; Antonio Bianchini e Giacomo Torzo, ex docenti rispettivamente di Astronomia e di Fisica, ed Ezio Vincenti, anestesista e storico. I lavori sono stati coordinati da Savina Confaloni. Al termine è stato mostrato il pendolo in movimento, con i led che si accendono man mano che le oscillazioni si susseguono; lo strumento che fornisce la prova sperimentale di un fenomeno fondamentale, cioè la rotazione della Terra attorno al proprio asse, potrà essere ora ammirato da turisti e scolastiche, mentre per gli studenti ci sarà la possibilità di osservarlo per via telematica. E adesso si sta lavorando per inserire nel sito internet di Palazzo Moroni le immagini in diretta raccolte da una webcam.


I DETTAGLI

Nel 2006 era stato l'allora sindaco Flavio Zanonato a far installare il pendolo in Salone: si tratta di una sfera di 13 chili appesa al soffitto con un filo di acciaio di circa 20 metri che riproduce il fenomeno scoperto da Foucault grazie a una serie di led bianchi che si accendono progressivamente all'oscillare della sfera (ogni oscillazione è di 2 metri, in 9 secondi), all'interno di una grande vasca nera.
«L'elettronica di controllo dell'elettromagnete e dei 180 LED - ha spiegato Torzo - è stata completamente rifatta con il finanziamento di Lions, per superare il problema connesso ai flash fotografici dei visitatori che interferivano con i sensori ottici. Questo strumento è un oggetto delicato che ha richiesto negli anni un continuo monitoraggio, ma è l'unico al mondo che oscilla da 16 anni senza un intervento manuale periodico». 
«Il Lions - ha invece evidenziato Nardelli - si interessa al pendolo per stimolare la cultura scientifica del Bo, che ha 2 caratterizzazioni: il libero pensiero che ha sempre garantito, e l'insegnamento di Galileo, secondo il quale ogni risultato va verificato». «A Padova - ha concluso Colasio - hanno lavorato due giganti come Pietro d'Abano e Galileo, che hanno fatto fare un salto di qualità scientifico a Padova, punto di snodo tra Medioevo e Rinascimento. E non dimentichiamo l'intreccio con l'Urbs Picta patrimonio Unesco con un altro straordinario strumento per misurare il tempo, che è l'orologio astronomico trecentesco di Giovanni Dondi».

Ultimo aggiornamento: 14:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci