Domenica 3 Marzo 2019, 12:43

Enrico si licenzia per diventare un pellegrino: la sua avventura inizierà l'11 marzo

PER APPROFONDIRE: enrico orlando, padova, pellegrinaggio
Enrico Orlando, 25 anni, di Ponte San Nicolò

di Cesare Arcolini

PONTE SAN NICOLÒ - «Ho lasciato il lavoro come panettiere per allenarmi in vista di un viaggio a piedi di 2.500 chilometri». A parlare è Enrico Orlando, 25 anni, di Ponte San Nicolò. L'undici marzo partirà dal suo paese per raggiungere Santiago di Compostela. Totale 2.500 chilometri. «La scorsa estate - racconta - avevo fatto un altro pellegrinaggio a piedi in solitaria per raggiungere Roma. Un'esperienza indimenticabile. Ho camminato per 20 giorni e ho percorso 600 chilometri. Questo tipo di esperienza mi ha arricchito sia nel corpo che, soprattutto, nello spirito. Ecco che ho salutato gli amici del panificio di via Marzolo a Ponte San Nicolò dove ho prestato servizio per quattro anni e ho deciso di concentrare tutte le mie forze sul viaggio a Santiago di Compostela». Scelta coraggiosa, che stupirà chi vorrebbe un lavoro fisso e fatica tremendamente a trovarlo. Il venticinquenne taglia
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Enrico si licenzia per diventare un pellegrino: la sua avventura inizierà l'11 marzo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2019-03-04 18:54:30
complimenti, primo perche' non e' facile fare 2500 km a piedi perdipiu' da solo, secondo perche' solo chi e' abituato a faticare riesce a concludere questo tipo di esperienze e sopratutto a trarne vantaggio come esperienza di vita. Te lo auguro
2019-03-04 11:09:34
beato te che non hai figli da sfamare, mutuo da pagare, rate da saldare...queste cose sono il mio pellegrinaggio quotidiano....
2019-03-04 07:26:43
Miracoli del reddito di cittadinanza ?
2019-03-03 20:05:30
certo che con la crisi che c'è licenziarsi per fare una cosa del genere e proprio da falliti
2019-03-03 15:12:00
Bravo! Si accontenta, sta bene e ha una carta di credito. Ma perche' raccontarlo ai giornali?