Coniugi uccisi nello scontro fra yacht:
da rifare il processo all'imprenditore

PER APPROFONDIRE: croazia, padova, processo, salpietro, yacht
I coniugi Salpietro e le barche sequestrate
PADOVA - È stata annullata oggi in Croazia la sentenza di primo grado, che prevedeva la libertà condizionale per l'imprenditore Tomislav Horvatincic, di Zagabria, accusato di aver provocato nell'agosto 2011 la morte di due turisti padovani, i coniugi Francesco Salpietro e Mariella Patella, nello scontro tra le loro barche nel mare Adriatico, di fronte alla cittadina di Primosten.
 
 


La decisione è stata presa dalla corte di appello di Zadar (Zara) che ha accolto il ricorso del pubblico ministero, ordinando al tribunale di Sebenico la ripetizione dell'intero processo. Un anno fa Horvatincic fu riconosciuto colpevole e condannato a 20  mesi con il beneficio della condizionale della durata di 3 anni. Per i giudici di primo grado si trattò di negligenza; lo scontro in mare era stato definito, nella sentenza annullata oggi, come «conseguenza del comportamento sconsiderato di Horvatincic nella conduzione del suo yacht». Nel ricorso accolto oggi il pm  sostiene invece che non è stata accertata tutta la dinamica del reato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 11 Novembre 2016, 17:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Coniugi uccisi nello scontro fra yacht:
da rifare il processo all'imprenditore
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2016-11-13 08:35:13
Gli italiani in Croazia hanno sempre torto,a prescindere.Poi ,se c'è di mezzo un risarcimento,tempo perso.
2016-11-11 22:19:46
Vi auguro di non avere a che fare con la "giustizia" croata. I croati odiano gli italiani per giunta. Il resto è storia....
2016-11-11 19:52:25
Non mi è chiaro l'intento del pm, vorrebbe aggravare la posizione dell'imputato o addossare parte della colpa ai coniugi?