Domenica 20 Gennaio 2019, 11:54

Strade, la rivoluzione per il nuovo ospedale. Si chiude l'Arco di Giano

PER APPROFONDIRE: nuovo ospedale, padova, viabilità
Strade, la rivoluzione per il nuovo ospedale. Si chiude l'Arco di Giano

di Mauro Giacon

Manca poco per un appuntamento storico. Chiudere dopo vent'anni l'Arco di Giano, ovvero l'asse viario di collegamento est-ovest e nello stesso tempo aprire a tempo di record la viabilità per il nuovo ospedale a Padova est. Dopo nove mesi di lavori entro febbraio aprirà la nuova strada che da via Maroncelli arriverà a via Galante. Sono 600 metri fondamentali, prima di tutto per consentire a tutto il rione S. Lazzaro di poter circolare liberamente visto che è in programma la chiusura del passaggio a livello su via Friburgo.

E inoltre il primo tratto di via Galante, quello che passa a fianco del cavalc avia Maroncelli, è molto stretto. Ma soprattutto perchè da questo pezzo di strada partiranno due direttrici fondamentali per il policlinico.

LE DIRETTRICI
Vedremo il raddrizzamento del cavalcavia Maroncelli, cioè al posto della curva attuale da via Friburgo, ci sarà una strada diritta in arrivo dall'area ospedaliera per fluidificare il traffico verso il centro (nella foto grande a destra si vede
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Strade, la rivoluzione per il nuovo ospedale. Si chiude l'Arco di Giano
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-01-21 12:54:54
Proprio per salvaguardare San Lazzaro serviva un progetto diverso Arco di Giano su cavalcavia Grassi . Così tutto il traffico di transito cadrà sulle vie interne del quartiere. Trovo inoltre delle " gravi" inesattezze sull'articolo . Non si parla dell'insediamento nell'area privata e non si accenna ai grossi malumori della maggioranza di chi vive in San lazzaro. Ultimo la prevista chiusura del rondò vieterà a pedoni e ciclisti di muoversi verso ospedali e centro città.
2019-01-20 14:59:45
Sempre detto e scritto che il luogo scelto per il "nuovo ospedale" (che non sarà ospedale ma Policlinico Universitario, o no?) è sbagliato; ora, molto prima della famosa posa della "prima pietra" iniziano i problemi, e i mostruosi costi che comporteranno per risolverli. Fa conto quando questa struttura sarà completata; diciamo che 2 miliardi di Euro totali, diretti e indiretti, di sicuro non basteranno. Quasi quasi era meglio la proposta di un ex ".....", e ce ne vuole per superarla, in senso generale, in "stoltezza"!
2019-01-20 16:52:21
Perfettamente d'accordo con lei, già ribadita più volte fin dalle sue prime proposte. Regalare il territorio euganeo di Lazzaro ai regionalisti, invece che impiantarvi un bosco (fonte di vita e salute), per un ennesimo inutile ammasso di vetro/cemento/asfalto/veleni/ospedale è "stoltezza", che pagheremo anche con il caos urbano
2019-01-20 13:56:37
Povera Padova euganea! Hanno regalato l'area Lazzaro ai Regionalisti per fare un ennesimo ospedale, invece di impiantare con bosco fitto . Gli alberi sono portatori di vita e salute, gli ospedali eccessivi no, portano il caos urbano e traffico su cemento vetro asfalto…