Via Anelli, il giorno delle ruspe: abbattuta la palazzina del Bronx

Lunedì 9 Dicembre 2019 di Alberto Rodighiero
8

PADOVA - Questa mattina scatta l’ora "X" per via Anelli. Alle 10.45 le ruspe inizieranno ad abbattere la palazzina più esterna del complesso Serenissima, quella a ridosso della rotonda. Per l’occasione saranno presenti il viceministro all’Interno Matteo Mauri, il sindaco Sergio Giordani, l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Micalizzi e il questore Paolo Fassari. Entro tre mesi, poi, l’interno complesso verrà raso al suolo. Nei prossimi giorni partirà la bonifica dall’amianto presente all’interno delle piastrelle degli angoli cucina di alcuni appartamenti non interessati, per il momento, alle demolizioni.
 

 
LA SPESA
Per l’operazione legata al complesso di via Anelli, negli anni Novanta “supermercato della droga” per tutto il Veneto, la giunta ha stanziato 5 milioni di euro. I lavori sono iniziati ad ottobre e hanno riguardato, per il momento, solamente i garage sotterranei. Il piano del Comune contempla tutta una serie di prescrizioni. Innanzitutto l’operazione prevede l’abbattimento e la rimozione di 42.300 metri cubi di cemento che si sviluppano su un’area di 15 mila metri quadri. Come prima cosa, tutta l’area è stata delimitata con delle recinzioni per non creare disagi alle abitazioni circostanti. A seguire dalle palazzine sono state tolte tutte le finestre e rimossi i mobili ancora presenti. Le ruspe, poi, inizieranno a “mangiare” i vari stabili partendo dal tetto per arrivare fino al piano terra. Una volta abbattuti tutti e 6 i condomini del complesso, si effettuerà una bonifica bellica e verranno fatte delle verifiche sulla presenza di eventuali agenti inquinanti nel terreno. 
I PROGRAMMI
In teoria, se tutto andrà per il verso giusto, entro la prossima primavera il Comune dovrebbe essere in grado di consegnare all’Agenzia del Demanio l’area. Area dove, poi, verrà realizzata la nuova questura. In cambio palazzo Moroni riceverà la caserma Prandina. Una volta diventato proprietario dell’ex caserma, il Comune potrà darla in gestione ad Aps holding che andrà a gestire la nuova area di sosta che, per forza di cose, diventerà a pagamento. Una circostanza che andrà a dissuadere chi oggi lascia l’auto parcheggiata per intere giornate approfittando del fatto che si tratta di un parcheggio gratuito. 
I lavori di svuotamento di via Anelli hanno riservato anche qualche sorpresa. Dai parcheggi sotterranei di via Anelli, infatti, sono saltate fuori delle auto d’epoca. «Effettivamente le sorprese non finiscono mai – ha spiegato un paio di settimane fa l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Micalizzi – Durante le operazioni di sgombero dei parcheggi interrati, infatti, abbiamo trovato 4 auto, un paio di queste decisamente d’annata. Abbiamo segnato immediatamente il ritrovamento alle Polizia locale che provvederà ad espletare a tutte le procedure previste dalla legge – ha aggiunto – quello che è certo è che questa operazione continua a riservarci elle sorprese». Tra le macchine ritrovare ci sono una Fiat 1100 e una Lancia Fulvia. Non appena l’assessore ha pubblicato sui social le foto del ritrovamento, si sono moltiplicate le offerte di acquisto per i modelli più pregiati. 
NUOVA SEDE
Sempre questa mattina si terrà l’inaugurazione del nuovo Ufficio Immigrazione della Questura in piazza Zanellato. Lo scorso 18 ottobre, infatti, Monte dei Paschi di Siena, proprietaria dell’immobile (di fianco al commissariato della Polizia di Stato ) ha stipulato con il Comune un contratto d’affitto valido fino al 2025 che prevede un canone da 120.000 euro all’anno. Il pagamento del canone del nuovo ufficio è parte integrante dell’accordo sulla nuova questura raggiunto l’anno scorso da Comune, Agenzia del Demanio e ministero dell’Interno. 
Alberto Rodighiero

Ultimo aggiornamento: 12:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA