Venerdì 19 Luglio 2019, 21:18

Studentessa colpita da tubercolosi. Allarme all'Università: subito controlli sui compagni

PER APPROFONDIRE: padova, studentessa, tubercolosi, università
Padova. Studentessa colpita da tubercolosi. Allarme all'Università: subito controlli sui compagni
PADOVA - Una studentessa universitaria colpita da tubercolosi, otto aule accademiche dove ha studiato nel periodo invernale, e dall’Università è scattato ieri l’”altolà” con un’email inviata a tappeto a tutti i colleghi di corso, invitandoli a un controllo pneumologico preventivo. Anche se la ragazza non risulta più in città da almeno due mesi, essendosi già concluso il suo periodo di studi a Padova, la notizia ha fatto velocemente il giro dell’Ateneo: la giovane, classe 1997, iscritta al corso di laurea in Scienze della formazione primaria, risulta aver frequentato il laboratorio di Lingua italiana dal 16 ottobre al 15 gennaio scorso al Centro linguistico di Ateneo in via Venezia 16, in particolare le aule 1 H, 1 C e 2 C, il corso di Letteratura per l’infanzia dall’1 ottobre al 19 dicembre al Piovego in via
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Studentessa colpita da tubercolosi. Allarme all'Università: subito controlli sui compagni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2019-07-20 12:51:49
.. tbc.. amenità progressista.. nel condominio globale tutto va suddiviso.. certo si può ancora migliorare ma la via intrapresa è quella giusta.. fratellanza, condivisone e pace.. eterna..
2019-07-20 12:11:35
"...le loro abitudini saranno le nostre..." le loro malattie saranno le nostre.
2019-07-20 11:43:39
Scommettiamo?
2019-07-20 10:44:09
Eddài! Non vorrete mica trarre le conclusioni sbagliate spero! Solo i bambini sono contagiosi e pericolosi untori! E si sa che scabbia e tbc si diffondono attraverso i mattoncini per le costruzioni! Lasciate stare gli universitari cosmopoliti e concentratevi sugli untori di asili e parco giochi!
2019-07-20 11:50:12
Oddio. L'articolo NON precisa di dove sia il "paziente zero" direbbero gli epidemiologi. Ma se questo convive con dei bambini (figli, fratelli, nipoti) questi a catena diventano potenziali untori. Se poi questi vanno a scuola o all'asilo il cerchio si allarga a dismisura