Padova, nel quartiere in mano agli stranieri la tranquillità si paga

PER APPROFONDIRE: degrado, padova, spazzio, stazione
Padova, nel quartiere in mano  agli stranieri la tranquillità si paga

di Gabriele Pipia

PADOVA - Un bambino cinese è seduto sul marciapiede, tutto solo, con gli occhi fissi sul cellulare. Accanto a lui due giovani nordafricani discutono in mezzo alla strada, alzando la voce e agitando le braccia. Intanto altri quattro ragazzi di colore sono appostati da ore all'inizio della via: si guardano continuamente attorno, sentendosi probabilmente i padroni di quella stessa strada. Siamo in via Cairoli, a due passi dalla stazione di Padova.

L'ALTRA INCHIESTA Mestre, il market della droga low cost che non chiude mai

Da anni chi vive qui protesta per il degrado e l'invasione straniera: questa via, una piccola laterale di Corso del Popolo, ne è diventata il simbolo. Percorriamo questi 160 metri alle sette di sera, quando i residenti rientrano a casa e i pendolari si dirigono a passo spedito verso la stazione. Via Cairoli è a 200 metri dal primo binario e a 600 metri dalla Cappella degli Scrovegni, ma sembra davvero un mondo isolato.



Basta incrociare i pochissimi padovani rimasti qui, per avere il polso del malumore. «Siamo attorniati da tanti spacciatori silenziosi, ma siamo anche ostaggio degli schiamazzi e della sporcizia dei loro clienti. Vengono qui a procurarsi la droga anche alla luce del sole. Come se fosse la cosa più normale del mondo». L'ingegner Marco Trevisan, 45 anni, vive da sempre al centro della via. Sul terrazzo ha issato una grande bandiera italiana, e ora un tricolore compare anche sul campanello. «La droga è un grosso problema qua. Abbiamo dovuto pagare una sorta di mancia ad uno di questi personaggi per assicurarci una maggior tranquillità. In un anno gli abbiamo versato alcune migliaia di euro: mi vergogno a dirlo ma mi sono trovato costretto»...


 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 5 Giugno 2018, 09:49






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Padova, nel quartiere in mano agli stranieri la tranquillità si paga
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 25 commenti presenti
2018-06-07 21:46:30
Cosi' hanno voluto i padovani.....mutismo e rassegnazione!
2018-06-06 09:05:34
Comunque sempre in Polesine È colpa della bossi-fini
2018-06-06 08:55:08
Padova Euganea ha bisogno di foreste modello Stoccarda e non di ospedali regionalistici e restauri delle tristi cinte murarie veneziane del Cinquecento, che la devastarono…
2018-06-06 06:55:46
Mi chiedo se anche aibduri e puri del buonismo non venga qualche dubbio sull integrazione se non ci sono regole ,paletti e un limite agli ingressi che ,profughi veri a parte,devono essere commisurati all' offerta di lavoro.E chi delinque e non si integra a casa e in questo caso anche i veri profughi.Trovo infatti una legge sbagliata che non si possa rimpatriare un delinquente perché profugo.
2018-06-06 00:31:59
E magari hanno sempre votato PD.