Giovedì 29 Agosto 2019, 16:33

Ragazza in bicicletta con le cuffiette, il sindaco la "richiama" e lei lo insulta

PER APPROFONDIRE: bicicletta, giordani, padova, sindaco
Giordani in bicicletta

di Alberto Rodighiero

PADOVA - Anche il sindaco deve fare i conti con la maleducazione stradale. A raccontare ciò che gli è accaduto in mattinata, ha provveduto ieri, verso mezzogiorno, Sergio Giordani. Tra il serio e il faceto, il primo cittadino ha raccontato che, appena uscito di casa in auto, in via Altinate si è imbattuto in una giovane ciclista che pedalava in mezzo alla strada con alle orecchie gli auricolari. «Dal momento che andare in bicicletta con le cuffiette è vietato dalla legge, le ho suonato e le ho fatto notare che avrebbe dovuto togliersi gli auricolari – ha spiegato Giordani – Evidentemente la giovane non ha gradito la mia osservazione e, con ogni probabilità, non ha riconosciuto il numero uno di palazzo Moroni. Per tutta risposta, così, ha sollevato il dito medio continuando tranquillamente a pedalare».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ragazza in bicicletta con le cuffiette, il sindaco la "richiama" e lei lo insulta
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 27 commenti presenti
2019-09-02 17:52:42
con i tempi che corrono se aiuti qualcuno che e' caduto a terra non si puo' escludere che ti mandi a quel paese
2019-09-01 17:44:52
Domanda,avrebbe fatto la stessa cosa se fosse stato un extracomunitario o un Rom? penso proprio di no altrimenti sarebbe in ospedale come minimo (????? verrá pubblicato????)
2019-09-01 15:55:29
La protagonista era una ciclista con bici da corsa che si stava allenando o una ragazza che girava in Olandesina o Graziella per i fatti suoi ? Secondo me c'è una netta differenza tra le due circostanze.
2019-09-01 10:20:30
Ciclisti e sindaco sono della stessa parrocchia
2019-08-31 13:23:33
Caro Sindaco, la gente si comporta così perché glielo si lascia fare. Quando qualcuno chiede il rispetto delle regole , ricordando che la libertà di ciascuno finisce dove comincia quella degli altri, passa da sceriffo, fascista, rimbambito , reazionario, oscurantista ecc. Invece che mettere i nonnetti con gilet giallo e fischietto a farsi mostrare il dito medio, dia disposizioni alla Polizia Locale di elevare contravvenzioni. Vedrà che dove non è arrivata la educazione dei genitori a insegnare le buone maniere, ci arriva il portafogli. Idem per chi vomita e urina sui portoni, schiamazza, insozza coi graffiti (arte di strada ?! Ha ha..) e consimili. Non sono certo i problemi più gravi, ma sono i più semplici da risolvere. Cominci dal basso. Tanti auguri