Giovedì 30 Maggio 2019, 18:40

In carcere per 70 truffe sul web: «Ecco come facevo i raggiri, chiedo scusa»

PER APPROFONDIRE: carcere, padova, truffe, web
Parla un truffatore

di Gabriele Pipia

PADOVA - «Avevo imparato in fretta ogni trucco e sono riuscito a truffare settanta vittime. Ma ora sono pentito, so di aver sbagliato e vorrei incontrare quelle persone per chiedere scusa». A parlare è un uomo di trentasei anni, già arrestato e condannato per una lunghissima serie di truffe. Ha ancora il fiatone, perché si sta sedendo al tavolino di un bar dopo aver appena finito il proprio turno di lavoro. «Adesso sono in regime di semi libertà - racconta -. Di giorno mi do da fare in un cantiere edile, di notte torno nella mia cella al Due Palazzi. E ripenso continuamente ai miei errori». Il detenuto chiede di mantenere l’anonimato, ma racconta tutto.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
In carcere per 70 truffe sul web: «Ecco come facevo i raggiri, chiedo scusa»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2019-06-03 08:03:02
lui ha raggirato ma gli altri sono stati raggirati ... chi è peggio?
2019-05-31 16:53:46
Appena esce dal carcere una bella candidatura tra le file della lega non gliela nega nessuno,stessa razza.
2019-05-31 15:46:31
Visto che il tanto deprecato sistema giudiziario funziona? Questo giovane si è pentito degli errori commessi in passato, ed è pronto ad una nuova vita di onestà e rettitudine.
2019-05-31 14:50:45
Se dovesse essere un certo Mattia Grigio...invito tutti a guardare un servizio andato in onda a Le Iene nel 2006.
2019-05-31 12:23:42
Enrico su, ciao enrico..ciao.