La crociata anti-kebab di Bitonci:
aiuti ai locali di cucina veneta

Lunedì 29 Giugno 2015 di Luisa Morbiato
47
PADOVA - Un nuovo provvedimento per ostacolare l'apertura di locali etnici e non turistici a Padova. È quanto sta studiando personalmente il sindaco Massimo Bitonci dopo che un locale della città, un ristorante-pizzeria Oktoberfest da quarant'anni attivo in via Del Santo a pochi passi dalla Basilica, ha annunciato la chiusura perché non più in grado di affrontare l'alto canone di affitto e le spese di gestione e potrebbe essere ceduto a cittadini cinesi.



Il sindaco punta a dare rilievo a "criteri qualitativi" a difesa del consumo di prodotti esclusivamente locali ed in linea con la tradizione padovana, veneta e nazionali. Stop quindi a ristoranti o locali che offrano ai consumatori cucina di altre culture e paesi, magari da asporto. Il regolamento dovrebbe contenere inoltre norme che incentivino le attività del centro storico in difficoltà, oltre che per la crisi, per le spese di gestione troppo elevate e gli affitti non adeguati al volume di affari. Si era parlato di incentivi per quei proprietari che avessero affittato a prezzo sostenibile i locali del centro alle attività commerciali e di penalizzazione di quelli che invece trasformavano i locali in garage.





Ultimo aggiornamento: 16:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA