Fratello e sorella, la villa dell'orrore
Battaglia mortale: coltello, forchetta
Sangue ovunque

Fratello e sorella, la villa dell'orrore. Battaglia mortale: coltello, forchetta
PADOVA -  Sangue, sangue dappertutto. Un coltello da cucina e una forchetta insanguinati. È questa la scena del crimine vista dagli inquirenti all’interno della villetta di via Faggin all’Arcella. La casa dove lunedì, intorno alle 16, sono stati trovati morti i fratelli Piermatteo e Donatella Rigon rispettivamente di 49 e 52 anni. Sul pavimento c’erano poi enormi quantità di topicida in polvere e una tanica di benzina. Per chi indaga la pista più battuta è l’omicidio-suicidio, ma non è escluso che i fratelli durante una violenta colluttazione si siano feriti a morte. A chiarire la dinamica della tragedia saranno le due autopsie, che il sostituto procuratore Roberto Piccione ordinerà di effettuare al medico legale Barbara Bonvicini. Gli uomini della Squadra mobile, nelle stanze della villetta tenuta in disordine dai suoi proprietari, hanno trovato sangue ovunque. Le pareti erano imbrattate di manate insanguinate e di schizzi a raggiera di sostanza ematica. A terra fiumi di sangue. I due corpi erano adagiati lungo un corridoio. Donatella era seduta e appoggiata alla parete con la testa reclinata da un lato. Il suo volto era una maschera di sangue.

Mentre il fratello Piermatteo era prono, disteso sul ventre, con la faccia affondata su un cuscino. 
Gli inquirenti hanno poi trovato importanti quantità di topicida in polvere, sparso per tutti i locali della villetta, e una tanica di benzina. Tutto fa pensare alla volontà di uno dei due fratelli di eliminare l’altro con ogni mezzo. Forse, l’idea finale, era quello di appiccare il fuoco alla casa dopo avere ucciso.
LE ARMI
Gli investigatori hanno trovato un coltello da cucina e una forchetta insanguinate. Sarebbero queste due le armi impugnate dai fratelli Rigon. Entrambe hanno lacerato la carne e i tessuti, ma non è chiaro chi dei due aveva il coltello e chi la forchetta. Secondo una prima ricostruzione dei fatti Piermatteo ha brandito il coltello contro la sorella e Donatella ha tentato di difendersi con la forchetta. Nessuno dei due invece sembra avere assunto del topicida, perchè gli investigatori nelle stanze della villa non hanno trovato tracce di vomito. Dunque non ci sarebbe stato un avvelenamento.
LE INDAGINI
La dinamica di quanto è accaduto all’interno della villetta di via Faggin 50, dove il giardino sembra essere stato trascurato da diverso tempo, non è per nulla chiara. Gli inquirenti attendono l’esito delle due autopsie per avere un quadro generale e chiudere le indagini. I due fratelli, secondo una prima ricognizione esterna sui cadaveri, sarebbero morti entrambi lo scorso fine settimana. Lui potrebbe avere ucciso lei e poi essersi tolto la vita, oppure i due sono deceduti a seguito delle ferite riportate durante una violenta colluttazione. Una cosa è certa: l’aggressione è stata consumata in quasi tutti i locali dell’abitazione ed è per questo che è stato trovato a terra e sulle pareti moltissimo sangue. 
Gli investigatori, nelle prossime ore, analizzeranno anche i telefoni cellulari dei due fratelli per trovare eventuali chiamate o messaggini dal tono intimidatorio. Infine la villetta è stata posta sotto sequestro, fino a quando il pubblico ministero non avrà chiuso le indagini. Nessuno è stato iscritto nel registro degli indagati, perchè il colpevole è deceduto. La cosiddetta morte del reo. Non c’è invece traccia del movente. La morte della loro mamma a dicembre aveva di sicuro scosso un equilibrio familiare già precario, ma nulla di più.
Marco Aldighieri
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 6 Marzo 2019, 06:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Fratello e sorella, la villa dell'orrore
Battaglia mortale: coltello, forchetta
Sangue ovunque
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-03-06 15:12:33
La guerra dei roses versione Padovana!
2019-03-06 13:09:03
io penso che quello scritto nell'articolo avrebbe dovuto rimanere riservato almeno finchè non fossero chiuse le indagini. perchè raccontare alla stampa subito tutti i particolari anche i più macabri?
2019-03-06 10:44:44
I manicomi non servono, dicono, e allora portatevi questi altri morti sulla coscienza
2019-03-07 09:42:38
Guarda che in giro ci sono persone apparentemente normali che sono completamente fuori di testa. Basta un urto, una precedenza, una goccia d'acqua che cade dal balcone per farle splodere e anche con i manicomi aperti queste non sarebbero dentro. I fratelli che si portano dentro rancori fino alla morte sono la metà della popolazione "sana".