Dopo la denuncia i due preti in Curia: «Tutto falso, sono solo bugie»

Martedì 24 Gennaio 2017 di Marco Aldighieri
Don Cavazzana e don Contin
33

PADOVA - C'è un nuovo retroscena nello scandalo che ha travolto la parrocchia di San Lazzaro e la curia. Alcuni giorni dopo la denuncia della 49enne padovana presentata ai carabinieri il sei dicembre, sia don Andrea Contin e sia don Roberto Cavazzana si sarebbero recati in diocesi per smentire tutte le accuse nei loro confronti. Ai loro superiori avrebbero dichiarato che si trattava solo di calunnie nei loro riguardi. Bugie di una parrocchiana per screditare il loro operato. Convinti di avere coperto tutto e di avere convinto il vescovo, se ne sono tornati nelle loro rispettive parrocchie. Ma la mattina del 21 dicembre le loro menzogne sono venute allo scoperto, quando i carabinieri hanno trovando in canonica e sequestrando a don Andrea Contin, indagato per favoreggiamento della prostituzione e violenza privata, giochi erotici e dvd e chiavette Usb piene di filmati delle orge organizzate dal prete 48enne. Ora gli uomini dell'Arma stanno passando al setaccio i conti correnti del sacerdote Contin, che sarebbero almeno cinque...

 
 

Ultimo aggiornamento: 18:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA