Muore due giorni dopo l'intervento "di routine": 6 indagati

Sabato 7 Settembre 2019 di Luca Ingegneri
foto d'archivio
8

PIOVE DI SACCO (Pd) - Sei sanitari, tra medici, anestesisti e infermieri, sono indagati in seguito alla morte di una donna di 73 anni, Lucia Dresseno,  che si era sottoposta all'ospedale di Piove di Sacco (Padova) ad un intervento alla colecisti, il 21 agosto, ed era poi deceduta il 23 agosto, mentre veniva portata d'urgenza al pronto soccorso. I sei - due chirurghi, un anestesista ed e tre infermieri - sono indagati per concorso in omicidio colposo. Oggi il pubblico ministero Benedetto Roberti ha conferito l'incarico al perito di parte, il medico legale Rossella Snenghi, che si avvarrà della collaborazione di un chirurgo dell'ospedale di Udine, al fine di fare chiarezza sulla morte della donna. Stando alla cartella clinica, l'intervento era riuscito senza complicazioni, successivamente la paziente era stata mandata a casa nonostante i valori del sangue non fossero del tutto regolari.

Due giorni dopo l'operazione la donna si è sentita male ed è stata portata d'urgenza in ospedale con l'ambulanza. Sarebbe morta per una massiva emorragia interna, prima che i medici potessero fare qualcosa. 

Il figlio della vittima s'è affidato all'avv. Rodolfo Romito per chiarire tutta la vicenda.

Ultimo aggiornamento: 12:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci