Omicidio Caruso. Le domande dei carabinieri alla famiglia della vittima. La chiamata all'amico e le due alla madre, ma una era un errore

Martedì 4 Ottobre 2022 di Serena De Salvador
Valentina Boscaro e Mattia Caruso

ALBIGNASEGO (PADOVA) - A una settimana dall'omicidio del trentenne Mattia Caruso, ieri la Procura ha dato il nulla osta per la restituzione della salma ai familiari. Familiari che stanno ora organizzando i funerali, la cui data potrebbe essere resa nota in queste ore. Ieri inoltre la madre, il padre e il fratello di Caruso sono stati convocati dai carabinieri per rispondere ad alcune domande che aiuteranno a chiarire i punti ancora oscuri delle dinamiche entro cui è maturato il delitto.

Delitto Caruso, la famiglia della vittima sentita dai carabinieri

La prima a essere nuovamente ascoltata al comando provinciale di Padova è stata Rosanna, la madre. Dopo di lei è toccato al marito Tino e al figlio Rosario. Le domande hanno riguardato soprattutto i rapporti che intercorrevano tra Mattia e la fidanzata Valentina Boscaro, agli arresti domiciliari dopo aver confessato il delitto. Sono stati sondati eventuali conflitti nella coppia che a quanto emerso pativa spesso pesanti liti , è stato chiesto ai parenti se fossero a conoscenza di episodi di violenze verbali o fisiche a danno dell'uno o dell'altra, come pure dei contatti avuti dal trentenne nei giorni e nelle ore a ridosso della tragedia. Ma anche in generale quale fosse il clima nella coppia nei due anni di frequentazione. Elementi indispensabili per valutare più accuratamente la versione riferita da Boscaro.

C'erano maltrattamenti o violenze?


Oltre ai molteplici tentativi di depistaggio messi in atto prima di confessare (in primis sostenendo che il fidanzato fosse stato aggredito da uno sconosciuto fuori dal locale Laghi di Sant'Antonio), la 31enne ha infatti parlato agli inquirenti di maltrattamenti fisici che avrebbe subito dal Caruso. Maltrattamenti che però non sono mai stati denunciati. I carabinieri coordinati dalla Procura, dopo aver interrogato le persone presenti nel locale la sera dell'omicidio, stanno sentendo in questi giorni anche vari conoscenti dei due giovani, sempre per poter desumere un quadro chiaro della relazione.

Autopsia e perizia sul cellulare


In attesa degli esiti dei test autoptici e delle perizie sul cellulare di Caruso, restano al vaglio anche i suoi contatti avuti nei giorni e nelle ore prima del decesso. La settimana precedente il delitto Mattia aveva infatti vissuto nell'appartamento a Montà di Boscaro e la sera in cui è stato ucciso risulta abbia telefonato sia a un amico (chiedendogli che andasse a prenderlo alle Terme), sia alla madre per due volte. Nella prima telefonata le avrebbe detto che si sarebbero visti il giorno dopo, mentre la seconda sarebbe partita per errore alle 22.45. Potrebbe però essere fondamentale per stabilire a che ora la coppia sia uscita dal locale e datare con precisione anche l'accoltellamento.

Ultimo aggiornamento: 5 Ottobre, 08:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci