Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nuovo ospedale di Padova, il traguardo è vicino: firmata la delibera per l'assegnazione del progetto di fattibilità tecnico-economica

Martedì 17 Maggio 2022
Nuovo ospedale di Padova, il traguardo è vicino

PADOVA - «Non è finita, ma con questo passaggio il traguardo s'intravvede. La Regione ci ha creduto e ha investito cervelli e risorse fin dal primo giorno, fin da quando presi il timone dell'Istituzione e trovammo scatoloni di carte e nient'altro. Occorreva una determinazione non comune, che la Regione ha saputo mettere in campo per dare al Veneto, e all'Italia, un Policlinico universitario di livello internazionale». Con queste parole, il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia saluta l'avvenuta firma della delibera per l'assegnazione del Progetto di Fattibilità Tecnico-Economica con il gruppo vincitore della gara d'appalto del nuovo Ospedale di Padova, la Politecnica ingegneria e Architettura (società cooperativa di Modena) in raggruppamento temporaneo con ATIproject Srl, Cooprogetti Società Cooperative e Techint spa.

«Dalla firma del contratto, del valore di 2,2 milioni di euro, estendibile anche alle fasi successive per un importo a base di gara di 35 milioni - aggiunge il Governatore - il Gruppo vincitore avrà quattro mesi per presentare il Progetto di Fattibilità Tecnico Economica. Insomma, ci siamo, indietro non si torna». Come Regione, conclude il Presidente, «abbiamo fatto veramente tutto il possibile per tradurre in realtà questo progetto che ora, non senza orgoglio, vediamo procedere a tappe forzate. Abbiamo messo a lavorarci i migliori manager, non ci siamo arresi di fronte alle molte difficoltà e questo è già tanto. Ma chiedo a tutti un ultimo sforzo: pancia a terra e pedalare per arrivare al più presto alla posa della prima pietra».

Ultimo aggiornamento: 18 Maggio, 11:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci