Coppia parte per la traversata oceanica
in barca a vela sulla rotta di Caboto

Nicoletta e Alfredo Giacon sulla loro barca Jancris

di Mauro Giacon

PADOVA - Ancora un'avventura oceanica per Nicoletta e Alfredo Giacon che con la loro barca a vela Jancris solcheranno le acque dell'Atlantico fino in Canada, più precisamente ad Halifax in Nuova Scozia.
«Per questa impresa abbiamo ottenuto patrocini prestigiosi come quello della Presidenza nazionale della Lega Navale Italiana, dell'Università di Padova, della città di Padova e della Regione Veneto», sottolinea con orgoglio Alfredo.

«Questo viaggio che durerà nove mesi l'abbiamo pensato per celebrare i 520 anni della scomparsa del grande navigatore veneziano Giovanni Caboto, scopritore del Canada», aggiunge Nicoletta. 
Jancris si conferma l'ambasciata galleggiante del territorio veneto. Ma come fate a coinvolgere sempre le più alte istituzioni? «Quando si naviga da oltre venti anni in giro per il mondo si ha un'esperienza indiscutibile ed i progetti che abbiamo proposto li abbiamo sempre portati a termine con successo, dando visibilità alla nostra città e a tutto il Veneto, specialmente negli Usa dove torneremo nuovamente a visitare Boston, città gemellata con Padova, grazie alla collaborazione tra l'ufficio relazioni internazionali del nostro Comune e dell'ateneo patavino, che stanno organizzando il nostro arrivo. Anche la Regione Veneto si sta mobilitando con i loro uffici preposti per organizzare le celebrazioni in Canada dove già nel 1997 ad Halifax è stata donata una stele raffigurante il leone di San Marco in occasione dei 500 anni della scoperta di quel territorio. Inoltre con l'Unesco collaboreremo durante la navigazione per le ricerche delle plastiche disperse in oceano grazie anche alla preziosa collaborazione della nostra Università, poi durante tutto il viaggio racconteremo le avventure con collegamenti telefonici dalla barca con Radio Padova».

Insomma un ennesimo grande progetto per uno scopo ambientalista e culturale. «Certo, la nostra regione e Padova devono puntare sul turismo, e la cultura grazie a musei, mostre, i nostri beni architettonici, le bellezze della provincia, dei colli Euganei, delle terme, ed i nostri prodotti enogastronomici che sono inimitabili e da difendere, sono un patrimonio che dobbiamo utilizzare al meglio e come veicolo economico, soprattutto in un mercato come quello americano e canadese. E noi, grazie a Jancris che è una barca moderna ed ecologica, siamo sempre stati un ottimo veicolo promozionale e virtuoso del luogo dove siamo nati. In ogni porto gli anglosassoni ci vengono a vedere incuriositi, e si stupiscono che una barca a vela con bandiera italiana sia giunta fin lì».

«In effetti loro si credono i detentori dello yachting mondiale ed ammirano e stimano chi viaggia su una barca a vela. Ecco perché per noi è importante non solo andare fino in quei luoghi per una questione sportiva, ma avere virtualmente a bordo le più alte istituzioni della nostra area ci fa sentire meno viaggiatori e più ambasciatori». Alfredo oltre che skipper è anche valente scrittore. Per Mursia ha pubblicato Oltre l'orizzonte (2001), Magico Egeo (2004) Magica Turchia (2006), L'uomo che parlava con i delfini (2009) e infine Mollo tutto e vado negli States in barca a vela (2016). 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 10 Gennaio 2018, 18:35






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Coppia parte per la traversata oceanica
in barca a vela sulla rotta di Caboto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-01-11 10:27:09
Buon vento ragazzi