Domenica 14 Aprile 2019, 16:04

Evasione e riciclaggio, ecco come gli imprenditori schermavano i soldi

Christian Penso

di Nicola Munaro

VENEZIA - Un impero schermato. Questo erano nei fatti le proprietà di Damiano Pipinato, titolare dell'omonima ditta di calzature con sede a Padova. E così lo descrive una delle gole profonde dell'inchiesta, un ex collaboratore dello studio di commercialisti Penso. Il professionista, sentito dalla Guardia di Finanza, «estende il quadro della famiglia Pipinato, illecitamente gestito tramite interposizioni di filiere societarie, anche oltre le proprietà della Pipinato Calzature Spa», la società principe di Damiano Pipinato, fratello dell'economo della Diocesi di Padova, don Gabriele Pipinato. Liquidi o immobili che fossero, tutti i beni dell'imprenditore dal nero-choc, capace di nascondere al Fisco 127 milioni di euro, erano protetti da un castello di società. Descritto il 5 luglio 2016 negli uffici delle Fiamme Gialle di Venezia dall'ex collaboratore. Nel racconto il professionista cita il suo stesso (vecchio) studio, oltre a Christian Penso, commercialista indagato per riciclaggio assieme al padre Guido e al collega Paolo Venuti (ex commercialista di Giancarlo Galan) nell'inchiesta del procuratore aggiunto di Venezia, Stefano Ancilotto. Nel mirino pure la moglie di Venuti, Alessandra Farina (riciclaggio aggravato) e due promotori finanziari svizzeri, Bruno De Boccard e Filippo Manfredi San Martino di San Germano d'Agliè, accusati di esercizio abusivo dell'attività finanziaria.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Evasione e riciclaggio, ecco come gli imprenditori schermavano i soldi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 25 commenti presenti
2019-04-15 21:28:49
Men che meno da voi che li difendete, e magari ne fate parte.
2019-04-15 21:27:29
La baracca Italia è tenuta in piedi dagli imprenditori onesti, dai dipendenti pubblici e privati e dai pensionati, non certo da questi gaglioffi.
2019-04-14 21:31:53
Gli imprenditori del Nord Est devono dapprima restituire quanto hanno rubato a Veneto Banca e Popolaredi Vicenza che al momento della messa in liquidazione contabilizzavano crediti inesigibili in ragione del 85% del totale (credo sia un record mondiale). Altro che storie.
2019-04-14 21:30:40
Leggo commenti stupidi e senza senso , fatti da persone che oltre il naso non vedono .
2019-04-14 20:48:56
Succede, e non è un crimine, quando il fisco vuole rubarti il 60% dei guadagni per mantenere tre milioni e mezzo di dipendenti pubblici (ne basterebbe un milione...)