Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Si è spento il dottor Suma, ginecologo e politico. Il sindaco: «Ho perso un amico e un mentore»

Considerato un pioniere della diagnosi prenatale, è stato anche il fondatore della sezione di Albignasego di Forza Italia

Venerdì 12 Agosto 2022 di Eugenio Garzotto
Il dottor Vincenzo Suma con la figlia
1

ALBIGNASEGO - Un grave lutto ha colpito l'intera comunità di Albignasego. Nella natìa Taranto, dove si era ritirato da qualche tempo, si è spento il dottor Vincenzo Suma, persona molto nota in città sia per la sua attività di medico ginecologo e ostetrico che di amministratore comunale. Considerato un pioniere della diagnosi prenatale e un grande ecografista, a Padova aveva diretto il Dipartimento di ostetricia e ginecologia e ricoperto l'incarico di responsabile dell'Unità operativa di ecografia e medicina fetale. Militante di Forza Italia, di cui fu fondatore ad Albignasego nel 1994, aveva svolto attività politica dal 1998 al 2013, nelle due amministrazioni di Lanfranco Casale e nella successiva di Massimiliano Barison. Aveva 80 anni ed era malato da tempo.

Il sindaco: «Ho perso un amico e un mentore»

«Non ho perso solamente un amico, ma anche un mentore - ha dichiarato il sindaco Filippo Giacinti - Mi è stato vicino nei miei primi passi nella politica, dandomi preziosi consigli, senza peraltro mai far pesare la sua esperienza. Ha cresciuto una generazione di amministratori».

«Era un professionista serio e stimato - lo ricorda Massimiliano Barison - Oltre che per le sue capacità di medico era apprezzato per il suo impegno sociale e politico. Il mio è il ricordo di una persona che si interessava da vicino di tutte le problematiche del paese, ma senza mai apparire troppo. Non solo per quanto riguarda l'attività amministrativa in senso stretto. Era, ad esempio, una delle colonne portanti della società Sant'Agostino Calcio. Era molto riservato continua Barison e non ci teneva a finire sotto la luce dei riflettori. Posso dire che si trattava di un uomo d'altri tempi, che aveva messo al centro del suo agire i valori della famiglia, del lavoro, dell'impegno, dell'onestà, della passione, del sacrificio e del volontariato».

Da Taranto ad Albignasego

«É una notizia che ci rattrista tutti - ha dichiarato il vicesindaco Gregori Bottin - Non lo vedevo da un po' di tempo e sapevo che non stava bene. Non penso proprio di esagerare se dico che tutti in città conoscevano Vincenzo Suma e ne apprezzavano le caratteristiche sia umane che professionali». Commosso anche il ricordo di Vincenzo Suma che il consigliere comunale Davide Mauri ha affidato al suo profilo Facebook: «Ricordo con piacere il politico equilibrato, serio e onesto. Ha raggiunto la terra di Dio come voleva, nella sua amata Taranto». Vincenzo Suma lascia la moglie Maria Clotilde Trisolini e i figli Maria, Pasquale e Giuseppe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA