Il mondo del nuoto piange Spagnolo: «Tonino, una vita per lo sport e per i ragazzi»

Domenica 3 Ottobre 2021 di Francesco Coppola e Lorena Levorato
Antonino Spagnolo, detto Tonino

VIGONZA - La notizia della morte del 65enne direttore tecnico del Centro Nuoto Stra e Vigonza, Antonino Spagnolo (per gli amici Tonino) è arrivata ieri mattina come un fulmine e ciel sereno lasciando tutti increduli. Soprattutto gli atleti ed i dirigenti delle società che si sono formati sotto la sua guida e che attualmente sono ai vertici nazionali del nuoto.
«Tonino per me e per tanti colleghi è stato un grande maestro - ha raccontato con commozione il presidente del Team Veneto Davide Pontarin - perché con grande piacere è stato mio tecnico e poi insegnante degli allenatori. Il mio più grande ricordo è legato alla semplicità e alla chiarezza con cui preparava i ragazzi con umanità e sensibilità. Tutti gli volevano bene perché con poche e semplici parole riusciva subito a farsi capire. Era una persona che amava stare sempre dietro le quinte e ci teneva a sottolineare che il merito dei risultati è soprattutto dei ragazzi». «La scomparsa di Tonino ci ha lasciati tutti sgomenti ed interdetti - ha detto Daniela Bardelle, direttrice della Padovanuoto -. Era veramente un uomo di spessore. Era stato un nostro collaboratore anni fa durante la gestione dell’impianto di Occhiobello dove era stato il responsabile e a suo tempo di gestione della Padovanuoto».

IL RICORDO
«Lo ricordo per il lavoro straordinario svolto da allenatore e come dirigente ma soprattutto la straordinaria capacità che aveva nell’allenare ragazzi nel settore della velocità in tutti gli stili, una cosa abbastanza rara questa sua modalità di riuscire a tirare sempre il meglio da i ragazzi - ha precisato Luigi Poli, dirigente del Centro Sportivo Militare e della piscina di Adria, gestita dalla Padovanuoto - Nella mattinata il primo messaggio di condivisione della scomparsa è stato quando un ex suo atleta lo ha lanciato e mi ha colto veramente di sorpresa».
Le straordinarie qualità di Tonino Spagnolo sono state evidenziate sui social dall’ex atleta Riccardo Bucci che aveva avuto l’occasione di conoscere Spagnolo ai Campionati Italiani Assoluti nei primi anni Novanta. «Qualche altro allenatore può vantare un curriculum come il suo? Eppure diceva di sè che era un istruttore di nuoto. Vedo invece molti praticoni che si definiscono allenatori federali senza esserne degni. Riposa in pace Tony».

«CIAO TONINO»
«Ciao Tonino - hanno sottolineato i dirigenti del sodalizio - Non dimenticheremo mai i tuoi insegnamenti. Ora potrai fare colazione con Gianni Gross tutte le mattine come una volta». «Tonino è stato e sarà sempre un uomo di sport - ha commentato il sindaco di Vigonza, Stefano Marangon - quello vero, quello che dà tutto se stesso, senza mai risparmiarsi, per il benessere psico fisico e sociale di migliaia di ragazze e ragazzi che negli anni ha saputo far crescere come atleti. Lo sport era la sua vita. Con grande rispetto e riconoscenza esprimo il mio cordoglio e quello della Giunta Municipale e di tutta l’amministrazione alla famiglia, allo staff del Vigonza Nuoto e a tutti coloro che gli sono sempre stati vicino: i suoi amati atleti».

Ultimo aggiornamento: 14:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA