Mamma Elisa, 32 anni, cantante lirica in ascesa, stroncata da malattia fulminate

Nome d'arte Elisa Di Marte, madre di un bimbo di pochi anni. A Conselve la ricordano ragazza solare, impegnata nel coro parrocchiale e come animatrice liturgica. Aveva studiato negli istituti e nei conservatori padovani, veneziani, rodigini

Venerdì 22 Luglio 2022 di Nicola Benvenuti
Elisa Martello, vita stroncata dal male a 32 anni

CONSELVE - Malattia fulminante, muore in poche settimane una nota ed apprezzata cantante lirica, Elisa Martello, 32 anni, nativa di Conselve, formatasi tra i Conservatori di Venezia e Adria, anche se da qualche tempo viveva in Lombardia. Come spesso accade, Elisa aveva iniziato cantando nel coro parrocchiale del Duomo, dove spiccava per le sue doti canore, tanto da intraprendere poi gli studi specifici accanto a quelli dei ragazzi della sua età, era infatti stata studentessa all' Istituto superiore Kennedy di Monselice.
Soprano lirico spinto, allieva del famoso mezzosoprano Internazionale Stella Silva e di Alessandro Tornato direttore artistico dell'Accademia San Giorgio di Venezia, Elisa Martello aveva frequentato il conservatorio di Venezia, per poi trasferirsi al Conservatorio Antonio Buzzolla di Adria sotto la guida di Roberto Scaltriti e Alberto Boischio. Si era classificata tra gli otto finalisti al Concorso Città di Venezia 2019 e aveva debuttato in Cavalleria Rusticana nel ruolo di Lola a fianco di grandi nomi come Maurizio Saltarin. Dal 2014 aveva acquisito anche la qualifica di direttrice di coro.

LO PSEUDONIMO

Innumerevoli i concerti e le esibizioni di Elisa, che sui social era nota con lo pseudonimo Elisa Di Marte: aveva girato l'Italia, nel marzo scorso aveva preso parte ad una Masterclass con Matthias Altheld docente della scuola di Musica di Friburgo al Conservatorio di Musica Giuseppe Verdi di Milano. Era stata legata sentimentalmente ad un docente di Monselice, la coppia ha un bambino di pochi anni. Da qualche tempo si era trasferita in Lombardia dove aveva intrapreso nuovi studi all'Università di Milano. Risiedeva a Brescia, dove aveva trovato anche un nuovo compagno.

MALE INCURABILE
La malattia si era manifestata solo qualche mese fa con un lieve, ma persistente malessere: gli esami più approfonditi hanno poi confermato trattarsi di un male incurabile, contro il quale i medici, che pure avevano tentato un intervento chirurgico, non hanno potuto far nulla e la morte è sopravvenuta davvero in poco tempo, proprio all'ospedale di Brescia dove era ricoverata ormai da qualche settimana. Nel periodo della degenza ospedaliera Elisa non ha mai mancato di far arrivare ad amici e fan, che la seguivano con affetto, il suo sorriso, nonostante fosse ben consapevole della difficile, se non disperata situazione, che poi si è aggravata tanto da arrivare al decesso avvenuto nella giornata di ieri.

UNA PERFEZIONISTA
Una ragazza sempre alla ricerca di perfezionare la sua grande passione per il canto: così viene definita da tutti Elisa Martello, che lascia un grande vuoto nel mondo della lirica, dove la notizia del suo decesso ha iniziato a diffondersi dal tardo pomeriggio di ieri, mentre a Conselve, il suo paese natale, l'informazione della sua scomparsa correva di bocca in bocca. Incredula la gente in città: «Era una ragazza solare, la ricordo impegnata nel coro parrocchiale e come animatrice liturgica in Duomo, salutava sempre tutti con grande trasporto. Sono sconvolta, apprezzavo molto la modalità con cui si poneva attraverso i social anche durante la malattia», ricorda una signora in piazza XX Settembre. Un'amica di infanzia sottolinea che «pur avendo fatto carriera nel campo della lirica, Elisa era molto legata alla sua famiglia, al suo piccolo e quando poteva, si dedicava alla cucina, era molto brava a fare i dolci, ci mancherà tanto il suo fare solare ed allegro».
Elisa era figlia unica, in città vivono i genitori, ora chiusi nel loro dolore, ai quali non mancherà certo la solidarietà del paese e che si sono presi cura, insieme al padre, del figlio di Elisa: nulla è ancora dato di sapere circa la data dei funerali, che comunque dovrebbero essere celebrati la prossima settimana nel Duomo di San Lorenzo, la chiesa dove ha svolto per anni il suo servizio domenicale. 

Ultimo aggiornamento: 17:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci