Montegrotto. Pensionato gratta e vince ben mezzo milione di euro

Domenica 12 Gennaio 2020 di Eugenio Garzotto
Montegrotto. Pensionato gratta e vince ben mezzo milione di euro
1
MONTEGROTTO (PADOVA) - Pensionato, un'età compresa fra i 60 e i 65 anni, residente nella zona termale. Non è dato sapere altro sul fortunato vincitore di ben mezzo milione di euro. Un colpaccio realizzato azzeccando con la Super Tombola tutti i numeri di un biglietto del Gratta e Vinci da soli 5 euro. A fornire un identikit volutamente sommario di chi fra poco andrà a incassare l'enorme somma, Giorgio Berto, titolare della tabaccheria numero 9 di Corso delle Terme, a Montegrotto, visitata in maniera così clamorosa in settimana dalla dea bendata. «Si tratta di un nostro affezionato cliente che gioca spesso racconta l'esercente . Alcuni giorni fa si è presentato in tabaccheria e ci ha fatto vedere il biglietto con la giocata vincente. Era, ovviamente felicissimo, e ci ha molto ringraziato anche se noi non abbiamo alcun merito. Non ho idea se ci farà un regalo ma, francamente, a noi non interessa. Siamo contenti per lui continua Berto -. E' una persona che di quel denaro ha davvero bisogno ed è questa l'unica cosa che alla fine conta».



PARTICOLARI
Di più il tabaccaio non vuole aggiungere: alcuni dei particolari sull'identità del fortunato giocatore, non a caso, li ha tenuti volutamente sfumati: l'esatta età anagrafica e il preciso luogo di residenza, che potrebbe essere Montegrotto come uno dei Comuni vicini. La sua attività infatti, per la posizione privilegiata lungo il principale asse stradale sampietrino, è di continuo méta anche di chi, magari recandosi al lavoro o tornando a casa la sera, fa la sua rapida e abituale fermata per tentare la sorte, senza necessariamente risiedere nella città termale. Una precisa scelta, quello di Berto e della moglie che lo affianca nella conduzione della tabaccheria-rivendita, dettata dalla volontà di non identificarlo con assoluta precisione. Evitandogli così curiosità eccessive, che possano sfociare nell'invadenza, o magari lo mettano nel mirino di qualche malintenzionato, considerata l'elevata somma con la quale il pensionato andrà a rimpinguare le proprie sostanze. Ovviamente, ieri mattina c'era aria di gran festa nella rivendita di Corso Terme, non appena la voce ha cominciato a circolare in città. Berto e la moglie, dopo avere appeso sulla vetrinetta delle sigarette il cartello con l'annuncio della vincita, sono stati subissati di domande da parte degli altri avventori, incuriositi e anche un po' invidiosi per tanta fortuna piovuta nelle tasche dell'acquirente del prezioso biglietto da mezzo milione. «Era una baraonda. Non facevano che domandarmi di continuo chi fosse sorride l'esercente -; lo capisco, è normale, ma c'è anche il segreto professionale cui sono vincolato. Era comunque già capitato in occasione di altre vincite. C'è stato anche chi ha continuato a chiedermi notizie per due giorni di fila». Ma non c'è mai stato assolutamente nulla da fare. Né in passato né ora. Il titolare della tabaccheria, nonostante le insistenze, preferisce alla fine glissare e parlare della sua attività e di tutte le volte in cui la dea bendata gli ha già fatto una visitina. «Gestiamo questo esercizio commerciale da una ventina di anni - sottolinea , dove lo scorso agosto sono stati vinti altri 100mila euro con un Gratta e Vinci da 10 euro e altri 50mila con il gioco 10 e Lotto online, con una schedina casuale di dieci numeri da 2 euro».
Eugenio Garzotto  Ultimo aggiornamento: 13 Gennaio, 10:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA