Rapina alla sala slot, presi i banditi
Era tutta una finta: il dipendente
aggredito era un complice

PER APPROFONDIRE: mestrino, rapina, sala slot
Mestrino. ​Pugno al direttore della sala slot e rapina: acciuffati i due banditi. Ma la rapina era simulata
MESTRINO - Era una rapina simulata. I due rapinatori erano in realtà d'accordo con un dipendente infedele della sala giochi. Anche la violenza - un pugno - esercitata dai banditi sul dipendente aggredito, davanti alle telecamere di sorveglianza, era simulata. Questa almeno è la "verità" che emerge dall'inchiesta condotta dai carabinieri, che hanno acciuffato tutti i presunti autori del colpo del 20 settembre scorso alla sala slot “Las Vegas” di Mestrino:  un padovano e un vicentino di Asiago, entrambi residenti a Padova, e un quarantenne di Taranto.

Sarebbe stato proprio il dipendente presunto infedele della sala slot a rivelare a due banditi dettagli importanti per riuscire a mettere a segno la finta rapina - in realtà furto aggravato -  e ora i Carabinieri sono arrivati anche a lui e lo hanno arrestato. Oltre a Enrico Berto, 61 anni, originario di Montagnana e residente a Padova, già arrestato il 6 ottobre scorso e ritenuto responsabile dell'agguato armato messo a segno ai danni del titolare, i carabinieri per oltre un mese hanno lavorato per identificare gli altri due complici che lo avrebbero aiutato a impossessarsi di 8.000 euro e a fuggire. È stato così sottoposto agli obblighi di presentazione quotidiana alla polizia giudiziaria il dipendente, C.A., di 47 anni, originario di Asiago ( Vicenza) e residente a Padova, mentre Giovanni Sicilia, 40enne di Grottaglie (Taranto) è stato portato in carcere.



 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 20 Novembre 2019, 10:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Rapina alla sala slot, presi i banditi
Era tutta una finta: il dipendente
aggredito era un complice
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
2019-11-21 07:40:18
Eliminiamo tutte le macchine mangiasoldi anzi mangia vita della gente! Purtroppo lo stato non lo farà mai come per le sigarette sono un introito costante importante e giornaliero poi si fanno centri per la cura della ludopatia quando basterebbe eliminare e mettere fuori legge le macchinette cosi' come i Gratta e Vinci
2019-11-20 18:28:33
Passi per i banditi, Delinquenti erano e delinquenti restano. Ma il dipendente che si era fatto prendere dall'ingordigia di avere soldi facili e si e' messo d'accordo con i malviventi e' proprio un sub umano.
2019-11-20 18:03:37
enricosecondo sempre bene informato su quello che succede dalle sue parti
2019-11-20 16:12:43
Due padovani e un meridionalissimo, il top!
2019-11-20 15:42:57
Maledetto 1866 😂😂😂😂😂