I medici di Padova i più "poveri": fino a 30mila euro in meno all'anno rispetto ai colleghi, e a parità di carriera

Venerdì 6 Maggio 2022 di Angela Pederiva
Azienda ospedaliera di Padova

PADOVA - A parità di carriera, i camici bianchi dell'Azienda ospedaliera di Padova guadagnano meno dei colleghi del resto del Veneto, con differenze che possono arrivare anche a sfiorare i trentamila euro l'anno. La disparità di trattamento retributivo, derivante da una diversa distribuzione dei fondi destinati ai contratti integrativi, è già nota alla Regione: non a caso è in corso un'interlocuzione con il ministero dell'Economia sullo sblocco di 40 milioni da destinare anche al riequilibrio degli stipendi. Ma per rinfrescare la memoria ai decisori politici, in queste ore è arrivata al presidente Luca Zaia, ai suoi assessori e a tutti i consiglieri un'email che dettaglia il confronto tra i vari enti del Servizio sanitario regionale, fino a lanciare un appello per eliminare «una palese discriminazione di cui non sono sicuramente colpevoli i medici ospedalieri».


Quanto vengono pagati i dottori? 


La lettera è firmata da Giampiero Avruscio (Anpo-Ascoti), insieme a Benito Ferraro (Cimo-Fesmed) ed Emilio Pagiaro (Fassid-Snr). Per il leader dei primari e gli altri rappresentanti sindacali, «risulta chiaro quanto Padova sia penalizzata nei confronti delle altre realtà sanitarie ospedaliere venete, ponendola senza ombra di dubbio in coda alle realtà sanitarie ospedaliere del Veneto e quindi anche nel confronto nazionale». Lo dicono i numeri dello stipendio di posizione, cioè della voce che si aggiunge all'importo tabellare di base (43.625,66 euro) e alle eventuali altre indennità, nella composizione della paga annua. Per il direttore di un'unità operativa complessa, cioè il primario di un reparto come ad esempio una Chirurgia, la cifra nell'Azienda ospedaliera di Padova è di 20.800 euro, a fronte dei 27.332, 72 dell'Ulss 3 Serenissima e di forchette che vanno da 22.800 a 27.000 euro nell'Ulss 8 Berica, da 26.001 a 30.000 in Azienda Zero, da 28.000 a 50.000 nell'Ulss 9 Scaligera. Differenze analoghe sono visibili anche per gli altri gradini della carriera, come la direzione di un'unità operativa semplice o l'incarico di alta specializzazione.


Stipendi diversi


Le discrepanze si sono sedimentate negli ultimi vent'anni. «Questo - ribadisce Avruscio con Ferraro e Pagiaro -  è dovuto alla distribuzione dei fondi regionali alle varie Ulss. Fondi che la Regione non ha mai rivisitato, nonostante la recente riforma che ha ridefinito i confini delle Ulss e istituito l'Azienda Zero, che come sappiamo è una realtà per lo più di tipo amministrativo-gestionale, rispetto ad un rischio clinico elevatissimo di chi deve curare le più elevate complessità». Attraverso un emendamento al Bilancio approvato nel 2019, era stato apportato un correttivo annuo di 2,2 milioni, che però si traduce in un aumento medio a testa di 2,87 euro lordi al giorno, cioè 1.122,80 all'anno. Il rimedio a cui punta Palazzo Balbi è legato piuttosto all'impegno sancito tre anni fa dal Patto per la salute, il quale prevedeva che le Regioni con i conti in ordine potessero favorire la graduale perequazione del trattamento accessorio, destinando alla contrattazione integrativa risorse aggiuntive nel limite del 2% del monte salari regionale, al netto degli oneri riflessi, rilevato nel 2018. Tuttavia il Mef non ha ancora autorizzato il Veneto a farlo. E così padovani gran dottori, ma pagati meno di tutti gli altri.

 

Ultimo aggiornamento: 16:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci