Carlotto conduce Criminal Minds, è polemica: «È un condannato, così si offende la memoria della vittima»

Il padovano Massimo Carlotto
PADOVA - «Sono indignato davanti alla notizia per cui Massimo Carlotto condurrà una serie della televisione pubblica dedicata ai serial killer: mi sembra una scelta improvvida, ingiusta e per molti aspetti insultante, assegnare un ruolo televisivo pagato con fondi pubblici ad un uomo nella cui casa fu trovata una ragazza assassinata con 59 coltellate, condannato a 18 anni di galera perché non riuscì a dimostrare la sua estraneità nell'aberrante omicidio, latitante all'estero e graziato dall'allora presidente Scalfaro». Lo dice Roberto Ciambetti, presidente del Consiglio regionale del Veneto commentando: «Siamo alla follia».

LA LETTERA AL DIRETTORE Una trasmissione Rai sui serial killer a Carlotto In Italia la legge non è sempre uguale per tutti

Il riferimento è alla notizia che lo scrittore noir Carlotto, condurrà dal 18 maggio su Rai4 Real Criminal Minds, una trasmissione in 24 puntate ispirata a crimini di serial killer. «La grazia concessa cancella la pena ma non fa chiarezza su quanto accadde nel 1976 a Padova a casa di Carlotto - spiega Ciambetti - L'ex militante di Lotta Continua non seppe dare una spiegazione convincente per quanto era accaduto nel suo appartamento e i dubbi su quella vicenda non furono mai diradati». Per il presidente del Consiglio regionale «rimase, di certo, la vita spezzata di una ragazza di 24 anni assassinata in modo barbaro: davanti alla memoria di Margherita Mugello, la scelta della Rai di affidare a Carlotto l'introduzione di programmi dedicati agli assassini seriali è agghiacciante e credo che il responsabile di questa scelta debba assumersi le sue responsabilità per quello che è molto più di un errore».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 13 Maggio 2018, 10:50






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Carlotto conduce Criminal Minds, è polemica: «È un condannato, così si offende la memoria della vittima»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 32 commenti presenti
2018-05-15 19:40:47
Io farei una bella denuncia ALLA RAI per TRAUMATIZZARE una seconda volta e PAGARE (visto che sono soldi PUBBLICI) chi NON vuole rivedere -- con M.C. -- il presunto assassino. E' sempre possibile NON VEDERE la trasmissione, ma e' possibile NON leggere dovunque di questo condannato graziato? ..o non contribuire a PAGARLO? ...e se fosse davvero innocente? CHI ha dato 59 coltellate a questa persona?
2018-05-15 09:55:25
In italia questo ed altro! Se poi sei di estrema sinistra con lotta continua... basta che chiedi e ti sarà dato. Questo a prescindere da questo particolare caso che carlotto sia colpevole o no.
2018-05-14 18:55:59
Carlotto e' sempre stato un compagno comunista, quindi ha tutte le giustificazioni
2018-05-14 13:10:30
condannato a 18 anni di galera perché non riuscì a dimostrare la sua estraneità nell'aberrante omicidio, latitante all'estero e graziato dall'allora presidente Scalfaro». Lo dice Roberto Ciambetti, presidente del Consiglio regionale del Veneto Penso che come giurista Ciambetti dovrebbe cambiare lavoro...mi risulta che dovrebbe essere la magistratura a dimostrare che uno è colpevole...non l'inagato a dimostrare di essere estraneo ?
2018-05-14 08:19:02
sbaglio o con le tecniche che vennero disponibili successivamente (vedi test dna) carlotto venne ritenuto totalmente estraneo ai fatti?