Cadavere ad Albarella, riconosciuti i vestiti: non è la mamma scomparsa

PER APPROFONDIRE: albarella, dna, mamma scomparsa, test
Samira El Attar
Non è Samira. Il cadavere scoperto ad Albarella non appartiene alla mamma scomparsa da Padova. Sono infatti stati riconosciuti dai familiari di Valentina Trolese, un'anziana di 63 anni scomparsa il 19 ottobre scorso a Campolongo Maggiore (Venezia), i vestiti trovati addosso al corpo recuperato ieri dai vigili del fuoco sulla spiaggia. Il corpo era  in avanzato stato di decomposizione e senza documenti. Si tratta dunque di un riconoscimento che avrà bisogno di un ulteriore verifica, tra cui il test del dna.

Spetta alla procura della repubblica di Rovigo disporre la prova, che servirà anche a escludere o confermare un secondo sospetto, che si trattasse cioè del cadavere di Samira El Attar, 43enne di origini marocchine residente a Stanghella (Padova) scomparsa il 21 ottobre.


LEGGI ANCHE Albarella, cadavere in spiaggia a Rosolina: forse è Samira, la mamma scomparsa un mese fa
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 18 Novembre 2019, 18:19






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Cadavere ad Albarella, riconosciuti i vestiti: non è la mamma scomparsa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti