Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Addio a Emma, storica barista: nel suo locale Patty Pravo era di casa

Lunedì 15 Agosto 2022 di Nicola Benvenuti
Emma Pistello Ferrara

PIOVE DI SACCO - Addio Emma del bar Schiaffino: cordoglio a Piove di Sacco per la morte di una figura storica del capoluogo della Saccisica, Emma Pistello Ferrara, deceduta dopo una breve malattia all'età di 79 anni, aveva gestito il bar Schiaffino, aperto con il marito Giovanni nel 1964, fino al 31 dicembre 2016. Un punto di ritrovo noto a tutti i Piovesi, soprattutto per gli appassionati del gioco delle carte e del calcio che nel locale di via Garibaldi si davano appuntamento abitualmente per trascorrere qualche ora in sana compagnia.

Emma, qualche mese fa, aveva manifestato qualche problema di salute, rivelatosi però nella sua gravità ed irreversibilità solo una decina di giorni fa, quando si è reso necessario il ricovero in ospedale, dove poi è avvenuto il decesso. «Abbiamo avuto il bar per 52 anni: dalla morte di papà nel 1996, ci sono state mia madre Emma e la zia Ariella», ricorda Damiano Ferrara, figlio del titolare Giovanni, che aveva una particolare somiglianza con il famoso calciatore del Milan. E il bar Schiaffino è stato non a caso il covo rossonero di Piove: qui negli anni '60 arrivava con il mitico Gildo Fattori e il musicista piovese Zeno Odorizzi, un'ancora sconosciuta ed enigmatica ragazza veneziana, Patty Pravo. Emma con il suo sorriso e la sua schiettezza non mancava mai di fare una battuta dalla mattina alla sera: il bar infatti apriva alle 6.30, per chiudere poi intorno alle 2 della notte e a tutte le ore del giorno Emma e Giovanni, dapprima e poi con l'aiuto della cognata Ariella e del figlio Damiano, erano pronti a soddisfare le esigenze della loro clientela.

Una particolare attenzione proprio Emma la aveva per gli operatori ecologici, che erano suoi ospiti fissi durante la pausa del lavoro: «A loro mamma offriva sempre la colazione», aggiunge Damiano. Per la particolare posizione, davanti al municipio piovese, il bar Schiaffino era frequentato da tutti i politici locali di ogni colore. «Abbiamo ricevuto tante attestazioni da parte degli attuali amministratori e di quelli del passato», sottolinea Damiano Ferrara. «Sorriso pronto, una parola per tutti, nel suo essere se stessa, sempre diretta e sincera, Emma è stata una icona della nostra piazza», riassume il sindaco Davide Gianella, mentre per l'ex vice sindaco Andrea Recaldin «Emma mancherà a chiunque ha camminato sotto i portici piovesi». Le esequie saranno celebrate mercoledì 17 agosto alle 16 nel Duomo di Piove.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci