Noto imprenditore e moglie arrestati. Operai in nero trattati come schiavi

Noto imprenditore e moglie arrestati  Operai trattati come schiavi
PADOVA - I Carabinieri del Comando Provinciale di Padova stanno dando esecuzione ad un ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un imprenditore operante nel settore agricolo nel comune di Albignasego, e della moglie che dal 2011 sfruttavano manodopera clandestina, per la conduzione della propria azienda

Decine gli stranieri sfruttati e tenuti quasi in stato di indigenza. Contestualmente agli arresti eseguito anche un decreto di sequestro di immobili riconducibili all’imprenditore, del valore di oltre 600.000 euro che andrà a garanzia del danno erariale causato dal mancato versamento di tutti gli oneri connessi alle prestazioni lavorative documentate. Sequestrati anche conti correnti e valori mobiliari. I lavoratori che si facevano maledurante il lavoro erano costretti a mentire ai sanitari per non perdere il misero posto di lavoro. Decine i lavoratori coinvolti, in maggioranza bengalese.

CHI SONO GLI ARRESTATI
Gli arrestati sono Walter Tresoldi, 49 anni di Albignasego, condotto al Due Palazzi di Padova, e la moglie Fanica Hodorogea, 48 anni di origini romene, posta ai domiciliari.

 


LE ACCUSE
Sono accusati, a vario titolo, di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, lesioni personali, favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, omesso versamento di contributi previdenziali ed evasione connessa a denunce obbligatorie del datore di lavoro. Oltre a loro il gip di Padova ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare anche per un loro collaboratore di origine bengalese, al momento all'estero.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 7 Maggio 2018, 11:12






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Noto imprenditore e moglie arrestati. Operai in nero trattati come schiavi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 60 commenti presenti
2018-05-08 14:38:37
Di origini romene. Non e' romena, ma di origini romene. Il politicamente corretto ha fatto centro una volta ancora.
2018-05-08 10:19:39
Potete mettere tutti i pollici che volete, anche più e più volte ma la veritas non cambia,
2018-05-08 08:17:03
Coincidenze: in periodo di vendemmia arriva personale low cost.Visto di persona furgone fermarsi in zona vigneti, scendere un drappello di persone con sportine di plastica come bagaglio.Tizio in macchinona tedesca avvicinarli e guidarli al posto convenuto ,avanzando a bassa velocita'.Sosta,conciliabolo autista con vignaiolo, operai subitonel vigneto.Poi la stessa auto parcheggiata davanti a bar di campagna e autista stravaccato, fumante, con birrona e panini e mucchietto di gratta e vinci. Passata la vendemmia., mesi dopo , .per puro caso, nelle stesse zone furti di trattori nuovi.Addio risparmio.
2018-05-08 08:08:10
Miserie moderne. I funzionari preposti dovrebbero uscire più spesso dai loro comodi uffici...(se certe situzioni esistono, perpetrate da anni, è perchè qualcuno o tutti hanno permesso che si costituissero - perdessero meno tempo a contestare tasse sugli ombrelloni o insegne di 10 cm...)
2018-05-08 00:47:56
Il tizio non e'nuovo a questo genere di cose.