Il tragico viaggio di Irina, morta
a 29 anni nel bus dalla Romania

PER APPROFONDIRE: autobus, irina, romania, viaggio
Il terminal di Atlassib a Selvazzano

di Barbara Turetta

SELVAZZANO - Era partita da lontano. Si era lasciata alle spalle la sua terra d'origine, la Romania, e con sé in quell'autobus aveva portato il sogno di un nuovo futuro. 
Ma una morte improvvisa, causata da un probabile arresto cardiaco, ha messo fine alla sua giovane vita. Così è morta Irina Adreea Mailat, una ventinovenne di nazionalità romena, mentre era a bordo di uno degli autobus dell'Atlassib, la società privata che effettua il trasporto merci, ma anche il servizio di collegamento fra l'Est Europa e l'Italia. E solo ieri mattina, quando la corriera è entrata nella stazione di via Manzoni a Caselle di Selvazzano, i viaggiatori che le sedevano accanto si sono accorti della sua morte. 
Nessuno durante la notte aveva fatto caso al suo silenzio e al fatto che da un certo momento in poi non si fosse più mossa dal suo posto. 
Quelli che si affrontano con questo tipo di servizio sono lunghi viaggi anche notturni, e il fatto che la giovane avesse poggiato la testa in avanti, e se ne stesse con gli occhi chiusi non ha destato alcun sospetto: chi le sedeva vicino deve infatti aver pensato che stesse dormendo.
Invece lei era morta, e probabilmente anche da diverse ore. La ventinovenne era partita da Hunedoara, che si trova in Transilvania. In viaggio era da sola, e non si conosce la sua destinazione: forse Padova, ma potrebbe aver avuto anche in programma di andare al nord dove ad attenderla c'era un nuovo futuro. 
Alle 7.10 di ieri mattina il pullman dell'Atlassib è arrivato a Caselle. La stazione che si trova nella zona industriale è il primo terminal che con questi viaggi si incontra entrando in Italia. Tutti i passeggeri sono scesi, qualcuno perché giunto a destinazione, mentre per altri il tempo di sgranchirsi le gambe, mangiare qualcosa e rinfrescarsi prima di rimettersi in viaggio. L'autista ha notato la donna ancora seduta al suo posto. Le è andato vicino, l'ha toccata per svegliarla scoprendo così che era priva di vita.
Subito sono stati chiamati i soccorsi, e sul posto è arrivata un'ambulanza del 118 e i sanitari non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso per cause naturali. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri di Selvazzano per i dovuti accertamenti. 
La salma è stata trasferita all'Istituto di medicina legale di Padova, e il magistrato ha comunque disposto l'autopsia sul corpo della donna. 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 2 Marzo 2018, 18:20






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il tragico viaggio di Irina, morta
a 29 anni nel bus dalla Romania
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-03-04 08:56:33
riposa in pace irina
2018-03-03 13:24:03
Triste storia.....rip
2018-03-03 08:51:58
A parte queste disquisizioni linguistiche (salma deriva da "sauma" peso, senza vita composto per il trasporto o sepoltura del cadavere) mi preme sottolineare la perdita di questa ragazza in cerca di un futuro migliore. Bisogna riflettere su questo. RIP.
2018-03-03 06:40:25
Gli alberghi o ristorantio locali si servono molto frequentemente di personale dell'Est.Se non vanno a genio le fanno ritornare, un viaggio notturno cosa vuoi che sia.
2018-03-02 18:29:22
E daghe co sta salma. La salma è quella in chiesa e al cimitero. Studiare.