Studente di 16 anni travolto e ucciso all'uscita della scuola: era in moto

PER APPROFONDIRE: incidente, morto, padova, scuola, studente
Esce da scuola e sale sulla Yamaha:
si schianta e muore a 16 anni
PADOVA - Incidente mortale questo pomeriggio a Padova in via Due Palazzi. La vittima è un ragazzo di 16 anni di Villafranca Padovana, studente dell'istituto professionale cittadino Severi. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, il ragazzo era appena uscito dalla scuola per far ritorno a casa in sella alla sua moto, una  Yamaha 125.

Per cause in corso di accertamento lo studente - Viorel Catavelea - ha perso il controllo della Yamaha ed è finito contro una rete di recinzione che delimita un'azienda agricola cadendo rovinosamente. Sul posto sono subito intervenuti i soccorritori del Suem che hanno tentato la rianimazione per mezz'ora, ma  invano. I rilievi saranno effettuati dalla polizia locale.
 
 


La vittima - di origini moldave - pare avesse comprato da pcoo la moto

+++ I particolari sul Gazzettino dell'11 novembre +++ 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 10 Novembre 2017, 16:49






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Studente di 16 anni travolto e ucciso all'uscita della scuola: era in moto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 19 commenti presenti
2017-11-12 13:14:08
Le moto andrebbero vietate!...
2017-11-11 17:14:30
Yamaha 125 a 16 anni ?? Certi genitori dovrebbero pensare un po' di più.
2017-11-11 13:57:00
ma se è uscito di strada da solo da chi è stato travolto? forse dal palo su cui ha sbattuto?
2017-11-11 12:04:55
16 anni. Morto. Questi sono i due dati "importanti" su cui soffermarsi e meditare. Tutto il resto sono sterili e, a volte, insensate polemiche le quali servono solo a mettere "sale nella ferita" che una tragedia così grande provoca in una famiglia. Ragione per cui non conta "il come, il mezzo, il dove"; quello che veramente deve far riflettere è "il mistero" della morte di una giovane vita. Per gli atei tragedie come questa sono solo "fatalità, imprudenza, colpa di questo o quello"; per i credenti è, per l'appunto, quel "mistero Divino" cui è comunque difficile, molto difficile, accettare e non "ribellarsi". E' e sarà sempre così; non ci è dato di capire il "perchè"; ne agli uomini di scienza, ne agli uomini di Fede. Condoglianze vivissime alla famiglia. Confido troviate la forza di continuare a vivere, non solo "fisicamente", ma anche e sopratutto vi sia dato "il dono" di comprendere il senso di quanto avvenuto.
2017-11-11 11:52:34
.... la moto è libertà, poesia e caratterizzazione.. è anche anarchia ( nel caso mio lo è stato come sempre per altro ). solo in questo caso può essere pericolosa. di norma la moto di per se stessa non è più pericolosa di tante altre cose. è semmai l'uso che se ne fa a renderla tale.. ma questo è un altro discorso..